I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 69.6% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Notte di voti in Europa
Segui l'evento in diretta con i nostri esperti

Il 4 Dicembre è un crocevia importante per il futuro dell'Europa e potrebbe avere serie ripercussioni sui mercati finanziari

Hidden link for fancybox

Cosa succederà?

Vivi in diretta questa notte così importante e getta uno sguardo sui futuri scenari macroeconomici


Che cos'è il Referendum italiano?

Che cos'è il Referendum italiano?

L’Italia si appresta ad affrontare una consultazione referendaria assai dura e divisiva, che vede il fronte del “NO” in vantaggio di almeno 2 punti. Segui i nostri articoli con le ultime novità.

Nuove elezioni in Austria

Nuove elezioni in Austria

In Austria si torna a nuove elezioni per eleggere il presidente. Alexander Van der Bellen e Norbert Hofer sono dati come assai vicini in termini di distacco. Scopri i possibili effetti sui mercati.

Segui la diretta!

Segui la diretta!

Segui i risultati elettorali in diretta, il 4 Dicembre, in compagnia dei nostri esperti. Potrai osservare l’evolversi della situazione e gettare uno sguardo sul futuro scenario macroeconomico europeo.

Partecipa al nostro evento online!

 

Domenica 4 Dicembre  –  dalle 21:00 alle 2:00

 

Registrati subito

Panoramica

Cos’è il Referendum italiano?

scheda_elettorale_referendum_2_giugno_1946

Due voti storici hanno già scosso i mercati quest’anno, ossia il referendum nel Regno Unito alla fine di Giugno e le elezioni presidenziali americane di Novembre. Un altro referendum, il 4 Dicembre, potrebbe rendere frenetici i mercati: stavolta la “minaccia” viene dall’Italia, ove si terrà un voto assai rischioso su una riforma costituzionale, che potrebbe avere forti ripercussioni su diversi settori, inclusi l’azionario, gli indici, le valute e le obbligazioni.

Il pacchetto delle riforme costituzionali è il più corposo fin dalla caduta della monarchia di 70 anni fa. Esso include la diminuzione del numero dei senatori da 315 a 100 e una modifica dell’attuale bicameralismo perfetto, mediante una sostanziale riduzione dei poteri del Senato a favore dell’Esecutivo.

I timori del mercato non sono legati ai contenuti della riforma, bensì al fatto la vittoria del “No” potrebbe portare l’Italia a elezioni anticipate, dato che Renzi si mostra intenzionato a rassegnare le dimissioni nel caso che il referendum sia sconfitto.

Il Primo Ministro ha soltanto la sinistra e parte del centro al suo fianco. I “5 Stelle”, guidati dal comico Beppe Grillo, Forza Italia (Berlusconi), la destra e la Lega Nord portano avanti una strenua campagna affinché il referendum sia respinto.

La maggior parte dei sondaggi vede il “No” in vantaggio. Una prova molto dura per l’Italia, per l’UE e forse anche per i mercati finanziari.

Elezioni Presidenziali in Austria

austrian_election_flagIl popolo austriaco sarà a chiamato, nello stesso giorno del referendum italiano, a eleggere il suo nuovo presidente. L’incertezza del risultato e le conseguenze dello stesso fanno di queste elezioni un evento assai rilevante per l’intera Unione Europea. Dopo la vittoria a sorpresa della Brexit e il risultato inaspettato delle ultime elezioni presidenziali negli USA, tutti gli occhi saranno puntati sull’Austria: cavalcherà anch’essa l’onda populista di questo 2016 eleggendo il candidato del partito antieuropeista Norbert Hofer?

Le politiche fallimentari dei partiti tradizionali, rivelatisi a lungo incapaci di soddisfare le aspettative della gente, hanno contribuito a spostare una larga parte del consenso verso l’estrema destra rappresentata dal Partito della Libertà. Inoltre, considerando il panorama socio-economico che si concretizza nei dubbi della gente, la paura della disoccupazione e dell’immigrazione potrebbe portare l’FPO a capo del governo in questa giornata cruciale.

Un simile risultato potrebbe rivelarsi, ancora una volta, pericolosissimo per tutta l’Unione Europea, poiché una vittoria dell’FPO potrebbe portare il paese a rinegoziare le sue relazioni con la Commissione a Bruxelles. Tale scenario sarebbe causa di forti dubbi sullo stato di salute dell’Europa, la quale si vedrebbe danneggiata su alcuni importanti asset quali EuroStoxx 50 ed EURO, assieme ad altri indici e obbligazioni (DAX30, AEX, CAC, IBEX, EUBund, ecc. ecc.).

Ultime notizie

Cinque giorni al referendum italiano

29 Novembre. Carlo A. De Casa

L’ultima settimana di campagna elettorale viene vissuta con una certa trepidazione in Italia, senza sondaggi pubblici a dar sostegno alle varie forze politiche, ma con la sensazione generale che la distanza fra i due blocchi del sì e del no sia risicata.

Non sono mancati, anche questa volta, gli interventi della stampa estera, cercando di spingere gli elettori verso l’una o l’altra direzione. Attende silenziosamente anche l’indice italiano FTSE MIB (ITA40), con il future a scadenza dicembre che, dopo l’incertezza di inizio settimana, ha provato a riprendere quota nella sessione di martedì, riavvicinando i 16.500 punti.

Lo spread fra i decennali nazionali e quelli tedeschi è tornato sotto quota 180, dopo le rassicurazioni della Banca Centrale Europea. Resta debole l’euro, scambiato in area 1,06 contro dollaro e sotto 0,85 contro il pound inglese.

Prosegue il conto alla rovescia verso il referendum

25 Novembre, Carlo A. De Casa

Manca ormai poco più di una settimana all’atteso appuntamento referendario, con le principali forze politiche impegnate nella campagna elettorale dall’una o dall’altra parte.

Il centro sinistra, con numerose eccezioni, fra cui Bersani e D’Alema, è schierato per il SI’, mentre il centro destra, anche in questo caso con varie eccezioni (fra cui Confalonieri – uno dei fedelissimi di Berlusconi – e il sindaco leghista di Verona, Flavio Tosi) sono a favore del No. Lo scontro ha assunto in questi ultimi giorni toni sempre più accesi, tant’è che non sono mancati anche gli insulti.

Sul fronte dei mercati l’indice italiano è rimbalzato con decisione nelle ultime sedute dai 16.000 punti, portandosi verso i 16.500, mentre lo spread fra i decennali italiani e quelli tedeschi è ancora in aumento e ha ormai superato quota 185.

Stop ai sondaggi, il dibattito continua

22 Novembre, Carlo A. De Casa

Prosegue il dibattito pre-voto in Italia. Nelle due settimane precedenti il referendum del 4 dicembre non saranno pubblicati altri sondaggi (per via delle leggi italiane che impongono il “silenzio pre-elettorale).

Gli ultimi, realizzati a metà novembre, vedevano il NO assestarsi fra il 52 ed il 55%, con un ipotetico margine relativamente ampio di vantaggio, anche se la percentuale di indecisi resta elevata. Proprio questo fattore appare essere uno dei cavalli di battaglia del fronte del SI’, che ipotizza che gli indecisi, una volta maggiormente sul tema, possano essere annoverati fra le fila dei favorevoli alla riforma.

Sul fronte finanziario l’indice italiano ha pesantemente scontato questo clima di incertezza così come le aspettative per le dimissioni di Renzi nel caso di vittoria del NO, mentre lo spread fra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi e tornato a salire con decisione. La sfida elettorale prosegue, con i mercati spettatori interessati di questo duello che dal piano costituzionale si è spostato anche e soprattutto sul piano politico.

PIL Italia, risultati positivi

17 Novembre, Carlo A. De Casa

La mattina di giovedì ha visto buoni numeri dall’Italia, con una crescita dello 0,3% del prodotto interno lordo nel terzo trimestre, a dispetto dello 0,2% previsto. Su base annua, la crescita è salita allo 0,9%, al di sopra dello 0,8% precedentemente stimato. Nel frattempo, i sondaggi continuano a dare la maggioranza dei votanti orientata verso il NO.

Più di 20 sondaggi nelle ultime tre settimane hanno attestato un vantaggio del NO tra l’1,5% e il 10%. L’ultimo di essi, pubblicato lo scorso 9 Novembre, vede il NO al 52%, mentre il SÌ registra un leggero recupero fino al 48%.

Il cosiddetto “effetto Trump” probabilmente non viene preso in considerazione da quei sondaggi (ammesso che tale effetto esista veramente), anche se in Italia, stando sempre ai sondaggi, la maggioranza dei cittadini ha affermato di non sostenere il magnate americano.

Adesso Renzi ha meno di tre settimane di tempo per provare a colmare il distacco. Vedremo se questi dati macro gli saranno d’aiuto in questo frangente così difficile.

Commentatori

Carlo Alberto De Casa

Carlo Alberto De Casa è Capo Analista presso ActivTrades ed analista tecnico de La Stampa. Collabora da anni con la rivista[…]

Carlo Alberto De Casa è Capo Analista presso ActivTrades ed analista tecnico de La Stampa.

Collabora da anni con la rivista economica Quadrante Futuro e ha partecipato, con il Centro di Ricerca Luigi Einaudi, alla stesura del XVII Rapporto annuale sull’Economia. Ha lavorato a Londra per Bloomberg, per poi approdare al broker ActivTrades, specializzandosi sul mercato valutario e delle materie prime.

È ospite del canale televisivo economico Class Cnbc, collabora con le redazioni economiche di Milano Finanza, la Repubblica, Il Messaggero e Il Giornale. Dal gennaio 2013 è analista tecnico per il quotidiano La Stampa, per cui cura la rubrica “La Settimana dei Cambi”.

Più volte ospite della TV economica tedesca DAF, è spesso intervistato dai magazine Der Aktionär e Börse am Sonntag e da Reuters UK come analista sui mercati delle valute e delle commodities. Nel 2014 ha pubblicato con Hoepli Editore “I segreti per investire con l’oro” , uno studio di circa 200 pagine sul mercato dell’oro nel mondo della finanza.

Giovanni Cuniberti

Laureato magistrale in Economia a pieni voti presso la Facoltà di Torino con una tesi dal titolo “il trading sulla[…]

Laureato magistrale in Economia a pieni voti presso la Facoltà di Torino con una tesi dal titolo “il trading sulla volatilità”, ha maturato una pluriennale esperienza presso Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. (BIM S.p.A.) come trader Istituzionale, lavorando accanto a diversi gestori e top client della banca anche nelle ore notturne sul mercato americano e giapponese.

Successivamente ha lavorato come Analista Finanziario presso altre società di consulenza. In questo contesto ha sviluppato un’approfondita conoscenza dei mercati finanziari e delle metodologie di trading.

Attualmente è docente presso la Facoltà di Economia dell’Università di Torino, nel corso di laurea specialistica in Finanza (corso di “strategie e tecniche di negoziazione di borsa”) e presso il Master MBA della medesima facoltà.

All’interno dello Studio G2C (www.g2c.it), di cui è co-fondatore, ricopre il ruolo di responsabile della gestione di portafoglio e dell’analisi dei flussi. Socio Siat e Nafop, pubblica analisi quotidiane sui mercati sul portale www.borsemercati.it.

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per[…]

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Giovanni Lapidari

Opera come trader a tempo pieno dall’aprile 2004. Lavora principalmente in intraday tramite Cfd sui principali futures dei mercati Eurex,[…]

Opera come trader a tempo pieno dall’aprile 2004. Lavora principalmente in intraday tramite Cfd sui principali futures dei mercati Eurex, Cme e Idem, e valute forex.

Utilizza l’analisi grafica, alla ricerca di movimenti di swing e di inversione, confermati da pattern di ingresso in divergenza prezzi/indicatori.
La sue tecniche combinano lo studio dei grafici con l’attenta osservazione del rapporto prezzi/volumi, per meglio individuare le zone di supporto/resistenza/target del mercato, utilizzando anche metodologie statistiche e trading system di sua realizzazione.

Collabora da tempo con ActivTrades, per la quale ha tenuto numerosi convegni in sala e seminari in videoconferenza, illustrando le sue tecniche applicate alla piattaforma grafica Metatrader.

Carlo Vallotto

Analista tecnico-finanziario e consulente indipendente, con esperienza pluridecennale dei mercati finanziari, valutari e mercati delle commodities. Studia l’evoluzione del prezzo[…]

Analista tecnico-finanziario e consulente indipendente, con esperienza pluridecennale dei mercati finanziari, valutari e mercati delle commodities. Studia l’evoluzione del prezzo dei metalli preziosi nei mercati, attraverso i flussi di domanda/offerta, indicando i livelli migliori di acquisto/vendita.

Fondatore e General Manager del sito web metalli-preziosi.it. Fornisce consulenza e formazione specifica alle aziende, operatori professionali e investitori privati sull’andamento del trend. In affiancamento al management aziendale, predispone strategie di hedging o controllo del rischio prezzo, nelle materie prime.

Senior Advisor indipendente per Istituti Bancari, associazioni industriali di categoria e aziende in analisi tecnica su oro, argento e altri metalli preziosi, metalli base, indici e valute. E’ spesso invitato come esperto in vari programmi televisivi su canali CNBC, Sky, Rai e in diversi network nazionali e a diverse Conferenze e seminari.

Antonio Cioli Puviani

Nato a Pittsburgh (USA) il 01.08.1962. Nel 1986 si è laureato in Economia presso l’Università di Bologna (con 110 e[…]

Nato a Pittsburgh (USA) il 01.08.1962. Nel 1986 si è laureato in Economia presso l’Università di Bologna (con 110 e lode) e nel 1994 ha conseguito un Master MBA nella gestione d’impresa presso Profingest a Bologna.

Nel periodo 1988/89 è stato responsabile commerciale di IBM Italia. Nel periodo 1990/1993 è stato dipendente dell’agente di cambio Leonardo Belloni a Milano e successivamente in un borsino a Bologna. Dal 1996 al 2000 è stato Area Manager per l’estero prima per la Carpigiani (Bologna) e poi per la Celli spa (Rimini).

Da novembre del 2012 all’agosto del 2013, è stato Consigliere e Dirigente preposto alla Redazione dei documenti contabili per Uni Land Spa. Da gennaio del 2013 conduce una trasmissione radiofonica sui mercati finanziari due volte al giorno su Radio Nettuno Bologna. Dal 2016 collabora con i suoi articoli per Investors’ Magazine Italia.

Da ottobre del 2000 ad oggi si occupa di trading sui mercati azionari come trader privato.

Renato Decarolis

Vive attualmente in Puglia, sposato con due figli. Dopo aver conseguito la laurea in scienze politiche nel novembre del 2000,[…]

Vive attualmente in Puglia, sposato con due figli.
Dopo aver conseguito la laurea in scienze politiche nel novembre del 2000, si trasferisce a Milano, dove comincia la sua professione di trader con lo scalping sui covered warrants.

Inizia poi ad operare su altri mercati: azionario, derivati e dal 2007 segue con una particolare attenzione il mondo del Forex.
La sua notorietà diventa internazionale nel momento in cui raggiunge i primi posti nelle classifiche mondiali dei siti Collective2.com e soprattutto Zulutrade.com, con il quarto posto assoluto su oltre 20 mila sistemi provenienti da ogni parte del mondo, il primo italiano a raggiungere questo risultato.

Le sue analisi sui mercati sono pubblicate sui maggiori siti internet di informazione finanziaria a livello nazionale.
Relatore in tavole rotonde in Italia ed all’estero, partecipa ad eventi come quello organizzato ogni anno a Rimini, l’Investment Trading Forum ed il TOL Expo a Piazza Affari a Milano.

Viene intervistato all’interno di programmi televisivi famosi on line e sul canale satellitare finanziario Class CNBC.
Il 23 ottobre 2014 ha presentato a Piazza Affari, il suo eBook “Strategie con le candele Heikin-Ashi”, una novità assoluta nel panorama dell’editoria italiana.

Nel settembre del 2015, viene intervistato da IL SOLE 24 ORE in occasione del primo meeting internazionale dedicato alle candele Heikin-Ashi, a cui prenderà parte come massimo esperto per l’Italia per questo tipo di rappresentazioni grafiche.
Tiene regolarmente dei webinars su vari temi collegati al trading ed organizza dei corsi individuali e di gruppo.

Riccardo Designori

Giornalista e analista tecnico, volto noto dei programmi di approfondimento su www.finanzaonline.tv

Giornalista e analista tecnico, volto noto dei programmi di approfondimento su www.finanzaonline.tv

REGISTRATI

Segui l'evento in diretta

04/12/2016

Unisciti a noi in questa notte di risultati e analisi. Gli esperti commenteranno l’esito di ciascun voto e proveranno a tracciare un quadro dei possibili effetti sull’apertura dei mercati del Forex e degli Indici, in Europa e nel resto del mondo.

ore 21:00 – Introduzione, risultati in Austria

Riepilogo dei maggiori eventi macroeconomici delle scorse settimane e analisi del risultato elettorale in Austria.

ore 23:00 – Esito del Referendum

Conseguenze del risultato. Gli esperti condivideranno opinioni sui possibili effetti del voto nel momento in cui i mercati saranno riaperti.

ore 0:00 – Occhi puntati sul Forex

Mercato delle valute osservato speciale: come e quanto ne risentiranno le maggiori divise europee e mondiali?

Registrati