Hidden link for fancybox

09/07/2020

“Borse, La forte volatilità è una grande occasione per i trader”

Articolo tratto da La Stampa del 08/07/2020.

Alex Pusco, CEO di ActivTrades, spiega al quotidiano La Stampa i motivi che hanno portato la società a chiudere un semestre da record.

 

“La prima parte del 2020 è stata contrassegnata dall’impatto del Covid-19. Sui mercati finanziari si è registrato un forte incremento di volatilità, con le Borse che prima sono crollate ma poi hanno recuperato parte del terreno perso. Molte realtà hanno sofferto in questo contesto. In controtendenza si sono mossi gli operatori che offrono la possibilità di investire online a piccoli e grandi trader. “La forte volatilità sui mercati ha determinato una crescita dei volumi scambiati – racconta Alex Pusco, amministratore delegato di ActivTrades-. La nostra società ha così totalizzato ricavi per oltre 30 milioni di sterline nei primi sei mesi dell’anno, un aumento boom rispetto agli 8 milioni del primo semestre 2019. Anche gli utili sono saliti, attestandosi a 19.2 milioni di sterline. L’andamento è però legato anche all’exploit della piattaforma ActivTrader, sempre più richiesta dai nostri trader”.

Quali i vantaggi che hanno favorito questo trend da record?

“Nel periodo abbiamo continuato ad aggiungere alla nostra piattaforma sia nuovi strumenti, sia nuovi prodotti. Al tempo stesso la forte volatilità dei mercati azionari ha provocato un deciso aumento dei volumi scambiati”.

Quali sono stati i prodotti maggiormente scambiati dai vostri clienti?

“Il Forex, ossia il mercato delle divise, resta il piatto forte, con l’euro/dollaro che si conferma come il cambio più negoziato. Al tempo stesso, abbiamo visto un crescente interesse sulle coppie contenenti le valute oceaniche (dollaro australiano e dollaro neozelandese, n.d.r.), che a marzo sono crollate ma a maggio e giugno hanno recuperato gran parte della loro discesa. Sono cresciuti in modo significativo anche i volumi sul petrolio, con le quotazioni del Wti che verso la fine di aprile sono crollate fin sotto zero. Successivamente i prezzi sono risaliti con forza, sino a tornare in area 35-40 dollari al barile, con i trader che hanno cercato di sfruttare questi movimenti impetuosi.”.

Proprio sul finire di aprile avete lanciato due nuovi prodotti sul petrolio

“Si, abbiamo raddoppiato il numero dei contratti disponibili per poter negoziare il petrolio, offrendo la possibilità di fare trading sul prezzo spot, cioè a pronti , evitando quindi all’investitore le problematiche legate al rollover mensile, ossia al fatto di dover chiudere la posizione alla scadenza del contratto. Oltre ai due contratti legati ai future su Wti e Brent, che restano disponibili ci sono ora due Cfd che consentono di investire, al rialzo o al ribasso, e senza scadenza, sul prezzo spot sia del Wti si a del Brent”.

Quali sono le principali aree di crescita di ActivTardes?

“L’Italia resta uno dei mercati centrali, anche grazie alla presenza dell’ufficio di Milano, aperto ormai una decina di anni fa. L’azienda sta crescendo in varie aree geografiche, in particolare in Sudamerica ed Asia, e arrivano molti clienti anche dall’Africa. Abbiamo recentemente lanciato un sito in Malesiano ma l’elenco è ancora più lungo”.

Il quartier generale di ActivTrades è a Londra. Avete poi sedi a Milano, Nassau (Bahamas) e Sofia (Bulgaria). Sono in programma nuovi uffici?

“Stiamo per aprire una nuova sede in Lussemburgo, per gestire le attività nel Vecchio Continente nello scenario post-Brexit, mentre il quartier generale rimarrà a Londra. L’Italia e l’Europa, comunque, resteranno centrali anche dopo la Brexit”.”

03/07/2020

ActivTrades verso un semestre da record

Tratto da Milano Finanza del 30 Giugno 2020.

“Grazie all’aumento del numero di clienti e dell’operatività, ActivTrades si avvia a chiudere il primo semestre 2020 con risultati record. Nei mesi da gennaio a giugno il broker online ha infatti registrato un fatturato vicino ai 30 milioni di sterline, quasi il triplo rispetto agli 8 milioni di sterline registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. E a fine anno al boom di fatturato potrebbero aggiungersi anche utili record, già oggi arrivati a 18 milioni di sterline. “Siamo molto soddisfatti. Ci aspettavamo un anno positivo ma questi risultati vanno oltre le nostre stime”, ha dichiarato il ceo di ActivTrades Alex Pusco. “I numeri confermano il successo della nostra società e della nostra piattaforma ActivTrader”, ha affermato Pusco. Negli ultimi mesi il broker ha anche introdotto alcune novità interessanti. In particolare sono stato lanciati due CFD collegati al prezzo del spot di WTI e Brent che, a differenza dei CFD collegati ai future, non hanno una data di scadenza e evitano pertanto ai clienti il problema di effettuare il cosiddetto roll-over (ossia di dover spostare la propria posizione sul contratto che ha una scadenza successiva). All’interno della piattaforma ActivTrader è stata inoltre sviluppata una funzionalità legata all’andamento dei trailing-stop che consente di gestire in modo professionale le posizioni in essere. Il trailing-stop segue infatti il movimento dei prezzi e permette sia di seguire il trend di mercato sia di proteggere i profitti che si stanno ottenendo.”

01/07/2020

ActivTrades: i nuovi clienti crescono del 73% rispetto al 2019

Oggi su Milano Finanza per parlare delle perfomance di questi primi 6 mesi del 2020. Siamo lieti che così tanti nuovi clienti abbiano scelto noi come loro broker.

 

“La prima metà dell’anno 2020 è stata all’insegna dei record infranti per ActivTrades. Il broker ha infatti appena annunciato che il numero dei nuovi conti aperti nel secondo trimestre 2020 è aumentato del 73% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “In questo periodo estremamente particolare sui mercati finanziari abbiamo continuato ad offrire un servizio di elevata qualità ai clienti” ha spiegato Alex Pusco CEO di ActivTrades “si è registrato un forte incremento dell’operatività sulla Piattaforma ActivTrader, sempre più utilizzata dai nostri trader”.

In questi mesi ActivTrades ha continuato costantemente ad aumentare la gamma di prodotti offerti, tra i quali le azioni di Zoom Video Communication e due nuovi prodotti cash, il Mini Ibovespa brasiliano e l’MDAX, il midcap index di Deutsche Boerse. Ma non è tutto. Tra le novità spiccano i contratti spot sul petrolio Brent e WTI: i due nuovi prodotti, creati in seguito agli storici movimenti che hanno portato i prezzi del petrolio in territorio negativo, hanno la particolarità di non subire alcun tipo di roll over in quanto sono privi di scadenza. Ha così commentato il CEO Alex Pusco: “Rispondere rapidamente ai mutamenti del mercato al fine di offrire un servizio sempre migliore alla clientela è uno degli elementi che da sempre ci contraddistingue dalla concorrenza”.

15/06/2020

Così la scommessa sul barile diventa “tascabile”

Sul Corriere della Sera per parlare di quanto accaduto alle quotazioni del petrolio da inizio anno e durante il lockdown e di come gestire al meglio l’esposizione grazie ai nostri nuovi contratti spot su WTI e Brent.

 

“Con il prezzo del future tornato a 35-37 dollari al barile sembra più lontana la data del 20 aprile, un lunedì nero come il petrolio che gli operatori non dimenticheranno facilmente, destinato a restare nella memoria e nella storia dei mercati finanziari come il giorno in cui la quotazione del greggio Wti, riferimento per il mercato americano, sprofondò per la prima volta in territorio negativo. Mentre la quotazione del Brent, il greggio estratto dal Mare del Nord, era rimasta sempre in positivo, il 20 aprile scorso la quotazione del future Wti con scadenza maggio 2020 aveva perso più del 300% in una sola seduta per effetto combinato di diversi fattori: crollo della domanda aggravato dalla pandemia di Covid-19, costi di stoccaggio alle stelle con i magazzini già pieni, mancato accordo tra Opec e Russia.

Poi, già dalla scadenza di giugno, la tenuta sopra 20 dollari e la progressiva risalita del future per ogni scadenza mensile successiva. A sostenere ulteriormente il prezzo è arrivata pochi giorni fa, a inizio giugno , la conferma del prolungamento per un altro mese dei tagli alla produzione previsti in aprile dai Paesi dell’Opec Plus, l’organizzazione dei Paesi esportatori allargata a Russia e altri produttori.

Gli investitori che stanno attenti ai mercati, anche i privati del trading online, hanno visto il future sul greggio Wti iniziare l’anno intorno ai 60 dollari, calare nei mesi successivi sino al crollo del fatidico 20 aprile, quando ha toccato il minimo storico a meno 40 (dollari) sotto zero, e infine risalire con un trend futuro (appunto) in crescita nei prossimi mesi. Un mercato diventato più esposto ad alti e bassi e quindi potenzialmente più interessante.

Ma un future vale l’impegno a ritirare o consegnare alla scadenza, quindi a comprare o vendere, mille barili di petrolio. Al momento significa investire per guadagnare o perdere su un minimo di 35-37 mila dollari, e soltanto perchè la quotazione è calata. A gennaio, come abbiamo visto, erano 60 mila, e in un recente passato, con il prezzo del barile a 100 dollari, anche 100 mila. “Per questo, dopo aver salvaguardato in aprile i conti conti dei nostri clienti con le misure di protezione previste – afferma Alex Pusco, fondatore e Ceo di ActivTrades, broker online basato a Londra, tra i leader del mercato europeo – abbiamo allargato la nostra offerta di prodotti di investimento con nuovi Cfd (contratti per differenza) sul prezzo spot sia del Wti sia del Brent, che si aggiungono ai Cfd sui future.”

Per ActivTrades l’incremento delle attività di trading nel lockdown, quasi un boom per il settore, ha coinvolto anche il petrolio e i nuovi Cfd. Il prezzo spot è quello che si pagherebbe per la consegna immediata, definito in gergo “a pronti” mentre quello del future è il prezzo per la consegna a uno o a tre mesi, e che incorpora anche i costi di stoccaggio per il tempo relativo. Nella situazione di mercato in cui il prezzo del future è superiore al prezzo spot si parla, sempre nel gergo della finanza, di “contago”. Rinnovare il contratto in scadenza se il prezzo è in crescita, comporta per l’investitore il pagamento di una differenza in più.

“Abbiamo studiato i nostri nuovi Cfd sul prezzo spot – spiega Pusco – così si può spezzettare l’investimento sino a un centesimo della quantità minima prevista con i future: ai prezzi attuali quindi anche solo 300 dollari o poco più rispetto ai 35-37 mila. In pratica è come comprare o vendere 10 barili di greggio invece di mille. Così, se si intende investire di più, si può scegliere di farlo entrando un po’ alla volta, nel caso lo si ritenga vantaggioso. Anche perchè i contratti sul prezzo spot del petrolio, a differenza di quelli legati ai future, non hanno scadenza.”

Per investire con i Cfd non si paga una vera e propria commissione. Il costo per l’investitore è rappresentato unicamente dallo spread, vale a dire il differenziale tra prezzi di acquisto e di vendita praticati dal broker: circa 3 centesimi di dollaro ogni barile, qualcosa come 0,1%.”

 

Scopri subito i nostri nuovi contratti spot su WTI e Brent cliccando qui. 

04/01/2020

Il rialzo di oro e petrolio arriva da lontano. Non dalle tensioni.

Il nostro capo analista Carlo Alberto de Casa intervistato da Milano Finanza spiega la situazione sul mercato di oro e petrolio in questi primi giorni di contrattazioni del 2020, e di come il rialzo dei prezzi sul metallo prezioso abbia radici più profonde di quanto i recenti accadimenti in medio oriente non facciano pensare.

“Oro e petrolio restano sotto i riflettori. Nell’ultima giornata di contrattazione settimanale, le quotazioni delle due principali materie prime hanno messo a segno imponenti rialzi, che hanno fatto seguito all’annuncio degli attacchi americani contro l’Iran. Il metallo giallo ha chiuso l’ottava a 1.551 dollari in rialzo del 2,11%, mentre il petrolio a 62,77 dollari in rialzo dell’1,30%. Per entrambi, però, il trend rialzista ha basi che arrivano da ben più lontano. Secondo Carlo Alberto de Casa, capo analista di Activtrades «il rally dell’oro, è iniziato già sul finire del 2018, con un exploit nell’estate che ha spinto i prezzi ai massimi degli ultimi sei anni oltre quota 1.550 dollari l’oncia, raggiunti ad inizio settembre». Nei mesi seguenti abbiamo assistito ad una lateralizzazione dei prezzi, che con un lento movimento discendente sono scesi fino in area 1.450, trovando però su questi valori un solido supporto. A novembre e dicembre, poi, i prezzi sono rimasti inseriti in uno stretto trading range fra i 1.450 ed i 1.480 dollari l’oncia. Sul finire dell’annata, la rottura rialzista dei 1.480 dollari ha aperto le porte per un’ulteriore rimonta, dapprima verso i 1.500 dollari e successivamente verso i 1.520 dollari. I venti di guerra, con gli attacchi americani all’Iran, hanno spinto al ribasso l’azionario nei primi giorni di gennaio, con altri acquisti invece sul metallo giallo. «Fra le ragioni che hanno spinto gli operatori ad acquistare l’oro» spiega De Casa, «troviamo uno scenario di relativa incertezza: nonostante la buona impostazione degli indici americani nel 2019, è cresciuto il numero di investitori che ha preferito spostare parte della propria liquidità sul lingotto, anche per l’interminabile protrarsi delle negoziazioni fra Stati Uniti e Cina sulle questioni commerciali, mentre i dati macroeconomici europei restano deboli». Anche lo scenario tecnico ha fatto il suo, infatti la rottura della resistenza statica collocata a 1.480 dollari ha innescato nuovi acquisti ed alcune ricoperture di posizioni short. Nel frattempo, i toni della Fed sono via via diventati maggiormente da colomba: ad inizio 2018 ci si attendevano altri rialzi dei tassi, mentre nel giro di pochi mesi lo scenario è radicalmente cambiato, con la Fed che si è invece mossa nella direzione opposta, così come numerose altre banche centrali, fra cui la Bce, basti pensare a tal proposito al nuovo Qe lanciato da Draghi alla fine del suo mandato. Sempre a proposito di banche centrali, il 2019 è stato un altro anno di acquisti record, con oltre 650 tonnellate di acquisti, sui massimi da mezzo secolo. Petrolio. Dopo il crollo di fine 2018, le quotazioni dell’oro nero hanno progressivamente ripreso quota nel 2019. In particolare, negli ultimi mesi si è creato un contesto particolarmente interessante per il petrolio, che ha beneficiato di vari elementi. I tagli dell’Opec+ dello scorso dicembre hanno generato un certo ottimismo fra gli operatori, mentre il crescente ottimismo nella questione commerciale fra Usa e Cina ha fatto il resto. Nelle ultime ore, poi, gli attacchi americani all’Iran hanno innescato una nuova corsa al petrolio, mettendo nel mirino il target dei 65 dollari.”

 

Fai trading su una vasta gamma di materie prime con ActivTrades.

 

18/11/2019

Il dollaro resta forte, l’oro cerca la rimonta

I mercati valutari restano in attesa dei nuovi sviluppi in merito alla guerra commerciale fra Usa e Cina, mentre una prima bozza di accordo sembra relativamente vicina. Il dollaro si è confermato forte, con il rapporto fra euro e banconota verde negoziato poco sopra quota 1,10.

Resta alto l’interesse sulle valute australiane, con nuovi segnali di ripresa dal dollaro neozelandese. Circa l’80% degli analisti aveva preventivato un taglio dei tassi da parte della Banca nazionale neozelandese, che non è invece arrivato, con il governatore che ha mantenuto il costo del denaro all’1,00% (contro le aspettative a 0,75%). Va poi sottolineato il buon PMI del settore manifatturiero, uscito a 52, su valori più alti delle attese. La somma di questi fattori ha permesso al dollaro neozelandese di ritornare sopra quota 0,64 nei confronti della banconota verde, mentre euro/dollaro neozelandese è sceso da 1,735 a 1,725. Decisamente meno brillante la valuta australiana, che ha perso quasi un punto percentuale contro il dollaro scendendo da 0,685 a 0,68.

La news relativa ad una non candidatura del partito della Brexit di Farage nei seggi in cui i conservatori avevano ottenuto la maggioranza nell’ultima tornata elettorale ha permesso alla sterlina di ottenere un modesto apprezzamento. Il cambio sterlina/dollaro è nuovamente salito in area 1,29, mentre euro/pound viaggia a 0,857.

Dopo il crollo della precedente ottava, prova a respirare l’oro. Le quotazioni del lingotto sono scivolate ai minimi da agosto ad inizio ottava, in area 1.445$, per poi riprendere quota e salire verso i 1.470$. L’area 1.445/1.450$ rappresenta a questo punto un primo importante supporto. La tenuta di questi livelli aprirebbe spazio per un tentativo di recupero verso i 1.500$, mentre una nuova discesa potrebbe segnare un’inaspettata inversione da parte del lingotto, dopo tre trimestri di netta ripresa. Poco mosso l’argento, scambiato a 17 dollari all’oncia, mentre il petrolio ha chiuso la settimana in leggera ripresa e la quotazione del WTI, punto di riferimento dell’oro nero americano, passa di mano a 57,80 dollari al barile. È invece scambiato a 63,3 il Brent.

11/11/2019

Il dollaro si rafforza. L’oro e l’argento in calo.

Dollaro ancora forte dopo i progressi Usa/Cina. L’EURUSD al ribasso fino a quota 1.117. Ripercussioni anche sul dollaro neozelandese e su quello australiano arrivato fino a quota 0.69. Ancora ingabbiato il pound inglese in attesa delle elezioni del 12 dicembre e sulla Brexit. La Sterlina quota 1.28 dollari metre con l’euro in area 0.86 in attesa di movimenti direzionali. Lo scenario di risk-on trascinano l’oro sotto quota 1500 dollari l’oncia e l’argento al ribasso sotto i 17 dollari l’oncia. Petrolio in trading range nella precedente settimana in area 57 dollari al barile.

 

Scopri i nostri spread competitivi sulle materie prime cliccando qui

04/11/2019

Un taglio alle commissioni per i grandi numeri

Tratto da Corriere economia  del 4 Novembre 2019.

Oltre al tradizionale profilo con lo 0,05%, Noi di ActivTrades ha presentato un’opzione con commissione allo 0,01% e minimo a 5 euro in grado di tagliare le commissioni dell’80% per gli ordini di importi a partire da 50.000 euro. Ma i vantaggi sono evidenti anche su operazioni con controvalore inferiore.

Il primo profilo prevede una commissione dello 0,01%, con un minimo di 5 euro mentre con il secondo profilo è prevista una commissione dello 0,05% con un minimo di 1 euro.

La convenienza tra i due profili è legata al controvalore delle operazioni: i clienti che eseguono operazioni con controvalori consistenti, ad esempio 20.000 euro, avranno convenienza a pagare la commissione dello 0,01% (e quindi 5 euro di minimo) anziché quella dello 0,05% (con la quale pagherebbero 10 euro). La riduzione di ActivTrades rispetto alle commissioni applicate in precedenza è significativa: l’investitore che, ad esempio, effettua operazioni per un controvalore di 50.000 euro, anziché pagare 25 euro, grazie a questo nuovo profilo, ne pagherà soltanto 5 euro, con una riduzione quindi dell’80%. Per i trader che invece investono capitali inferiori ai 10.000 euro è preferibile scegliere il secondo profilo commissionale: con un controvalore di 5.000 euro, ad esempio, si pagheranno soltanto 2,5 euro.

 

Maggiori informazioni sul trading in azioni visita la pagina: https://www.activtrades.com/it/trading-sulle-azioni

28/10/2019

Il Dollaro sconta un taglio dei tassi?

Dopo un Mario Draghi accomodante, ora tocca agli USA con la FED.  Tra due giorni verrà annunciato se ci saranno nuovi tagli ai tassi di interesse americani, le stime cadono su 150/175 punti base. Forse il mercato si è già mosso anticipando questo cambiamento e portando il cambio Euro/Dollaro a scendere fino a quota 1,1080.  La Sterlina continua nella sua incertezza sul fronte della Brexit con nuove possibili elezioni generali richieste da Boris Johnson e il rinvio della scadenza del 31 ottobre. Il Pound ha raggiunto quota 1,30 contro il Dollaro e 0,8640 con l’Euro. Tra le materie prime il petrolio guadagna terreno dopo le forti perdite degli ultimi mesi, fattore scatenante le basse scorte americane che hanno riportato il Wti a quotazioni di oltre 56 dollari al barile. Il metallo giallo invece recupera nuovamente la soglia psicologica dei 1500 dollari l’oncia tenendo l’oro su un trend positivo nel medio/lungo termine.

 

Negozia l’oro con ActivTrades, spread ancora più basso da 0,25$. Clicca qui per tutti gli spread competitivi.

11/10/2019

Brexit: La sterlina rialza la testa

Nelle corso delle ultime sedute sul Forex si sono registrati movimenti significativi sulla sterlina. Dopo diverse settimane in cui la divisa inglese è rimasta sotto pressione per i timori legati ad una possibile “Hard Brexit” si è verificato un improvviso riavvicinamento e gli operatori sono tornati a credere ad un possibile accordo fra le parti. In scia a queste notizie il cambio sterlina/dollaro è salito con decisione verso 1,27 (massimi degli ultimi tre mesi) mentre l’euro/sterlina (sul quale per i clienti di ActivTrades è possibile fare trading con solo 0.8 pip di spread) è sceso fino a quota 0,87. Nel frattempo il Dollaro Usa, dopo il costante rafforzamento degli ultimi mesi, ha fornito alcuni segnali di debolezza: il Dollar Index, ad esempio, non è riuscito a superare i 100 punti e ha subito una veloce correzione. Sul mercato delle materie prime, complici le recenti tensioni geopolitiche, il petrolio Wti ha invece compiuto un veloce rimbalzo tecnico, innescato dalla tenuta del solido supporto grafico situato in area 51,50-51 dollari, e si è portato a ridosso dei 55$. L’oro, al contrario, ha subito una rapida flessione ed è sceso al di sotto dell’importante soglia psicologica dei 1.500 dollari. Un’eventuale rottura di quota 1.470$ fornirebbe un ulteriore segnale ribassista.

Scopri gli spread di ActivTrades sul Forex a partire da 0,5 pips.

07/10/2019

Oro, dazi, Brexit e manovra: come muoversi sui mercati finanziari

Tratto da La Stampa del 7 ottobre 2019.

 

Ottobre è iniziato incerto sui mercati finanziari. La trade war Cina USA continua con ora anche l’Europa tra le due. La Brexit si avvicina sempre di più, e il petrolio continua il rally da quando c’è stato l’attacco ai giacimenti Aramco. Anche il nostro Ftse Mib risente delle politiche economiche del nuovo governo. Per fare il punto della situazione ActivTrades ha organizzato un webinar per il 10 ottobre alle 18 intitolato “Rischi e opportunità sui mercati finanziari in vista dell’autunno” con partecipazione straordinaria de “La Stampa”. In aggiunta Maurizio Mazziero (economista esperto) e Carlo Alberto De Casa (capo analista ActivTrades ed esperto di Oro) analizzeranno la situazione nel dettaglio per capire a che punto siamo e dove potremmo arrivare. Per iscriversi gratuitamente visita www.activtrades.com/it/webinar.

30/09/2019

L’euro si scopre debole ai minimi da due anni. Sterlina, Oro e Petrolio ancora in calo, solo il Dollaro continua a volare.

Tratto da La Stampa dell’30 settembre 2019.

Dollaro sempre più forte nelle ultime sedute, a pesare anche le nuove politiche monetarie europee e i tassi di interessi ancora nettamente più alti. Anche la Sterlina è sotto una scadenza importante per quanto riguarda la Brexit, quella del 31 ottobre anche se molti scommettono su un ulteriore rinvio. Anche l’oro si indebolisce, penalizzato dalla forza dell’oro, ora in fase 1500 dollari l’oncia. Segue sulla stessa via anche il petrolio, il WTI non riesce a mantenere i 60$ al barile raggiunti dopo gli attacchi agli impianti Aramco.

17/06/2019

ActivTrades azzera i costi delle commissioni

Tratto da QN Economia del 17 Giugno 2019

ActivTrades, anche quest’anno tra i protagonisti di ITForum, presenta al pubblico la sua nuova piattaforma di trading, ActivTrader, e la promozione estiva dedicata ai trader appassionati di titoli azionari. Fino al 23 Settembre 2019, solo sulla piattaforma ActivTrader, si potrà fare trading su oltre 500 CFD azionari senza commissioni.

08/04/2019

La sterlina in lento calo. In rialzo petrolio e platino

Tratto da La Stampa dell’8 aprile 2019.

Nelle ultime sedute il cambio fra Euro e Dollaro, tradizionalmente quello più scambiato sui mercati, ha fatto registrare scarsi movimenti, rimanendo stabile appena sopra quota 1,12. Gli investitori, in questa fase di scarsa volatilità, hanno dunque cercato opportunità su altri fronti. Fra queste, non poteva mancare la sterlina, che negli ultimi mesi ci ha abituato ad ampie fluttuazioni, sulla scia dell’andamento dei negoziati Brexit.

 

25/03/2019

Strumenti sofisticati ma semplici da usare per il trading online

Tratto dal quotidiano La Stampa del 25 marzo 2019.

“Lo scenario del mondo del trading è in continua evoluzione, ma senz’altro la formazione rimane un aspetto fondamentale”, commenta Alessandro Gho, direttore presso il broker ActivTrades, fra i leader nel settore sia in ambito nazionale che europeo. “Proprio per questa ragione – dice Gho – investiamo molto in questo ambito, al fine di offrire agli investitori le nozioni necessarie per affrontare al meglio i mercati”.

25/02/2019

Oro ancora ai massimi. Ecco quanto conviene tenerne in portafoglio.

Tratto da La Stampa del 25 Febbraio 2019.

Dopo anni di relativo oblio, l’oro schizza in alto per le aspettative di un rallentamento nella crescita mondiale. Secondo Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, le ragioni alla base di questo ritorno di fiamma nei confronti del metallo giallo sono molteplici: la frenata delle borse americane, le prossime politiche monetarie della Federal Reserve. Ma quanto oro conviene tenere nel portafoglio?

11/02/2019

Frenano euro e petrolio. Oro al palo, corre il palladio

Tratto da La Stampa dell’11 Febbraio 2019.

Analisi di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, su Euro, Petrolio, Oro e Palladio. La moneta unica attraversa un periodo di sofferenza nei confronti del dollaro americano. Appesantite anche due importanti materie prime: oro e petrolio. Il metallo giallo resta ingabbiato fra i 1.300 e i 1.325 dollari l’oncia. I timori legati a possibili rallentamenti economici frenano le quotazioni del petrolio. Si distingue invece il palladio, che mantiene alto l’interesse degli investitori guadagnando altri 4 punti percentuali.

 

14/01/2019

La Fed frena il dollaro. Euro su, sterlina in bilico.

Valute e banche centrali ancora protagoniste. Commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

08/01/2019

ActivTrades lancia ActivTrader: la nuova piattaforma di trading

Il 2019 segna l’ingresso di ActivTrades in una nuova era con il lancio della nuova piattaforma di trading ActivTrader.

26/11/2018

Il crollo delle criptovalute. Bitcoin -75% dai massimi

Tratto da La Stampa del 26 Novembre 2018

Quale destino per le criptovalute? Leggi qui l’analisi di Carlo Alberto De Casa per ActivTrades

26/11/2018

Occhi aperti su quale Brexit arriverà

Tratto da La Stampa del 26 Novembre 2018

Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sui possibili scenari di una Brexit ormai alle porte.

29/10/2018

Draghi spinge giù l’euro. Debole anche la sterlina

Tratto da La Stampa del 29 Ottobre 2018

Le maggiori valute europee tra continui cali e recuperi. Commento di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

08/10/2018

La rimonta della Sterlina sull’Euro e sul Dollaro

Tratto da La Stampa dell’8 Ottobre 2018

Valute sempre più agitate nello scenario tra Federal Reserve e Brexit, Commenti di Carlo A. De Casa.

01/10/2018

Euro in calo per i tassi Fed e il ritorno del rischio per l’Italia

Tratto da La Stampa del 1 Ottobre 2018

Commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul delicato scenario economico attuale.

 

17/09/2018

L’euro recupera sul dollaro. La sterlina tira il fiato.

Tratto da La Stampa del 17 Settembre 2018

Gli intrecci tra euro, dollaro e sterlina sotto la lente d’ingrandimento di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

30/07/2018

Un’altra vittoria di Draghi. Euro in calo sul dollaro.

Tratto da La Stampa del 30 Luglio 2018

Osservazioni di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sull’andamento dell’Euro in base alle decisioni della BCE.

16/07/2018

Il dollaro si rafforza sullo yen. Oro e Argento sono in calo

Tratto da La Stampa del 16 Luglio 2018

Analisi di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sull’andamento del dollaro e dei metalli preziosi.

25/06/2018

Il dollaro frena la sua corsa. Londra verso rialzo dei tassi.

Tratto da La Stampa del 25 Giugno 2018

Analisi di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulla delicata situazione della moneta unica e della sterlina.

21/05/2018

Il dollaro lancia la volata. Giù l’euro, lo yen e l’oro.

Tratto da La Stampa del 21Maggio 2018

La situazione valutaria odierna raccontata da Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades per La stampa.

14/05/2018

Il dollaro prova a risalire. Petrolio record da 3 anni.

Tratto da La Stampa del 14 Maggio 2018

Commenti di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sui segnali di risveglio del dollaro americano e del petrolio.

30/04/2018

Il rialzo dei tassi americani spinge il dollaro

Tratto da La Stampa del 30 Aprile 2018

Commenti di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades,

23/04/2018

L’export svizzero festeggia la grande ritirata del franco

Commenti di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul momento favorevole per le esportazioni elvetiche grazie alla debolezza del franco svizzero.

12/03/2018

Movimenti limitati per l’euro, l’oro e il petrolio

Tratto da La Stampa del 5 Marzo 2018

Ribassisti per le criptovalute, il Bitcoin di nuovo sotto i diecimila dollari, il commento di Carlo Alberto De Casa capo analista ActivTrades.

05/03/2018

Le mosse di Trump sui dazi indeboliscono il dollaro

Tratto da La Stampa del 5 Marzo 2018

I negoziati difficili per Brexit frenano la Sterlina, il commento di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades

19/02/2018

La corsa del dollaro ha rilanciato le materie prime

Tratto da La Stampa del 19 Febbraio 2018

Euro forte, Dollaro debole e Commodities in ripresa nei commenti di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

 

12/02/2018

Il dollaro recupera terreno, ma esplode la volatilità: occhi sulla Fed

Tratto da La Stampa del 12 Febbraio 2018.

Il dollaro recupera e il mercato torna ad essere volatile. Commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades

29/01/2018

Dollaro ai minimi, il sospetto di uno zampino della Fed

Tratto da La Stampa del 29 Gennaio 2018

Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, si sofferma sulla fase di debolezza della valuta americana.

22/01/2018

Dollaro sempre più debole sui mercati, si rafforza il petrolio

Tratto da La Stampa del 22 Gennaio 2018

Il dollaro continua a indebolirsi e l’economia americana ne beneficia. Analisi di Carlo A. De Casa.

17/01/2018

Criptovalute sotto pressione, principali rischi da regolamentazione

Tratto da FinanzaOnline del 17 Gennaio 2018

Estratto dall’intervista di Daniela La Cava a Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

 

15/01/2018

Le criptovalute battono in ritirata, brilla soltanto l’Ethereum

Tratto da La Stampa del 15 Gennaio 2018

Il rallentamento delle criptovalute maggiori osservato da Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

08/01/2018

Il super-euro schiaccia il dollaro e lo yen

Tratto da La Stampa dell’8 Gennaio 2018

Osservazioni di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulla forza della valuta europea.

19/12/2017

Con ActivTrades da protagonisti nel mondo delle criptovalute

Bitcoin, Litecoin, Ethereum: il broker londinese lancia una nuova dimensione del trading sui CFD

11/12/2017

L’oro tocca i minimi, cresce l’attesa per i tassi della Fed

Tratto da La Stampa dell’11 Dicembre 2017

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul periodo di affanno del metallo giallo e le mosse della Federal Reserve.

04/12/2017

L’accordo da 50 miliardi sulla Brexit rilancia la sterlina

Tratto da La Stampa del 4 Dicembre 2017

I negoziati UK-UE sembrano andare per il verso giusto e la sterlina ne beneficia, secondo l’analisi di Carlo Alberto De Casa.

27/11/2017

Non si ferma la corsa dell’euro, dollaro in caduta

Tratto da La Stampa del 27 Novembre 2017

Osservazioni di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sull’ascesa inarrestabile dell’euro nei confronti del dollaro americano.

 

20/11/2017

L’euro tenta il recupero sul dollaro, nuovo record del Bitcoin

Tratto da La Stampa del 20 Novembre 2017

Analisi di Carlo Alberto De Casa sull’andamento del cambio Euro/Dollaro e sulla incredibile ascesa del Bitcoin.

 

16/10/2017

La sterlina danza sul filo della Brexit, euro in rimonta sul dollaro

Tratto da La Stampa del 16 Ottobre 2017

La divisa britannica non trova il suo equilibrio. Commenti di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades

02/10/2017

Il dollaro ci ripensa, dopo sei mesi la corsa è finita

Tratto da La Stampa del 2 Ottobre 2017

Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, si sofferma su un dollaro americano che pare rinunciare alle proprie ambizioni di rimonta.

25/09/2017

La Yellen scopre le carte e il dollaro si apprezza (per ora)

Tratto da “La Stampa” del 25 Settembre 2017

Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, getta uno sguardo su quella che appare essere la strategia più probabile della Federal Reserve.

24/07/2017

Brexit, i broker pianificano il trasloco

Tratto da Il Corriere della Sera del 24 Luglio 2017

Le reazioni delle società del settore finanziario alla Brexit nell’intervista ad Alex Pusco, CEO di ActivTrades.

24/07/2017

Dal discorso di Draghi un’altra spinta all’euro

Tratto da La Stampa del 24 Luglio 2017

Che cosa ne sarà dell’euro? Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, prova a fornire la risposta a questa domanda.

 

17/07/2017

Il rialzo dei tassi scuote l’estate delle valute

Tratto da La Stampa del 17 Luglio 2017

Osservazioni di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulle turbolenze causate dai rialzi decisi dalle banche centrali.

10/07/2017

La misteriosa caporetto dell’argento

Tratto da La Stampa del 10 Luglio 2017

Lo strano andamento dell’argento sotto la lente di ingrandimento di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

26/06/2017

Barile sempre più giù e il rialzo non è all’orizzonte

Tratto da La Stampa del 26 Giugno 2017

Analisi di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulle infinite traversie dell’oro nero.

19/06/2017

Le banche centrali rianimano dollaro e sterlina

Tratto da La Stampa del 19 Giugno 2017

Commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulle nuove misure adottate dalle banche centrali per sostenere le valute.

12/06/2017

La frenata di May alle elezioni affonda la sterlina

Tratto da La Stampa del 12 Giugno 2017

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, commenta il terremoto elettorale britannico e la delicata fase che il Regno Unito si trova a dover affrontare.

29/05/2017

May e Trump spingono l’Euro, ma Draghi prova a frenarlo

Tratto da La Stampa del 29 Maggio 2017

Commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul braccio di ferro valutario fra Euro, Dollaro e Sterlina.

22/05/2017

Il dollaro debole dà slancio alle materie prime, risale il petrolio

Tratto da La Stampa del 22 Maggio 2017

Osservazioni di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulla partita giocata dal dollaro americano sul mercato attuale.

18/05/2017

Essenziale operare in tranquillità e alle migliori condizioni

Alex Pusco, fondatore e CEO di ActivTrades, racconta quali novità ha preparato la sua società per ITForum 2017.

20/03/2017

La settimana dell’oro. La sterlina tornai ai massimi

Tratto da La Stampa del 20 Marzo 2017

Commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul metallo giallo e sulla divisa britannica.

06/03/2017

L’aspettativa dei tassi Usa più alti frena i metalli preziosi

Tratto da La Stampa del 6 Marzo 2017

Tassi Usa in rialzo. Che cosa accadrà nel mercato dei metalli? Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, prova a rispondere.

27/02/2017

Cresce la domanda industriale e l’argento torna a correre

Tratto da La Stampa del 27 Febbraio 2017

Commenti di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades. sui segni di ripresa dell’argento.

06/02/2017

L’euro continua a crescere, la sterlina inizia a soffrire

Tratto da La Stampa del 6 Febbraio 2017

Osservazioni di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul delicato momento delle due maggiori valute del Vecchio Continente.

30/01/2017

L’euro e la sterlina continuano il recupero sul dollaro

Tratto da La Stampa del 30 Gennaio 2017.

Commenti di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulla rincorsa delle divise europee sul dollaro americano.

23/01/2017

Giù solo il dollaro, rialzano la testa l’euro, la sterlina e l’oro

Tratto da La Stampa del 23 Gennaio 2017.

Il dollaro ancora in discesa e le banche centrali di nuovo protagoniste nell’analisi di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

16/01/2017

Trump fa perdere colpi al dollaro, l’euro tenta la rimonta

Tratto da La Stampa del 16 Gennaio 2017.

Cosa succede nei mercati dopo l’insediamento di Trump? La risposta di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

29/11/2016

ActivTrades organizza la maratona elettorale

Tratto da Milano Finanza del 29 Novembre 2016.

Carlo De Casa, assieme a numerosi esperti italiani di finanza e trading online, in diretta streaming per seguire i risultati elettorali del 4 Dicembre 2016.

 

21/11/2016

Il biglietto verde corre verso la parità con l’euro

Tratto da La Stampa del 21 Novembre 2016.

Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades. osserva la corsa del dollatro verso la parità con la divisa europea.

14/11/2016

Picchiata e risalita, il rally irrazionale del dollaro

Tratto da La Stampa del 14 Novembre 2016.

Il comportamento anomalo del dollaro americano commentato da Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

07/11/2016

“In rete manca la giusta trasparenza, serve il contatto diretto con il broker”

Tratto da La Stampa del 7 Novembre 2016

L’importanza di rivolgersi a un broker regolamentato nelle parole di Alex Pusco, CEO di ActivTrades.

24/10/2016

Prossima tappa Dubai. Il futuro della Borsa via web è a Oriente

Tratto da La Stampa del 24 Ottobre 2016

Aggiornamenti sull’offerta commerciale di ActivTrades direttamente dal CEO Alex Pusco.

20/09/2016

Il rialzo dei tassi americani può attendere

Tratto da La Stampa del 20 Settembre 2016.

Cosa succederà ai tassi americani? Leggiamo i commenti di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

12/09/2016

Draghi non basta, sui mercati vince il nervosismo

Tratto da La Stampa del 12 Settembre 2016.

Il momento difficile dei mercati sotto la lente di ingrandimento di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

05/09/2016

Scambi fra valute in calo

Tratto da La Stampa del 5 Settembre 2016.

Commenti di Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, sugli effetti del superdollaro.

11/07/2016

Il dollaro riparte con i dati dell’occupazione americana

Tratto da La Stampa dell’11 Luglio 2016.

I commenti di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulla risalita del dollaro americano.

04/07/2016

Continua la frana della sterlina. E l’oro rialza la testa

Tratto da La Stampa del 4 Luglio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, ritorna sulla valuta britannica e sul metallo giallo.

27/06/2016

La Brexit fa crollare la sterlina, oro in grande spolvero

Tratto da La Stampa del 27 Giugno 2016

Osservazioni di Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul convulso scenario macroeconomico post Brexit

20/06/2016

La sterlina recupera terreno, oro in rialzo da tre settimane

Tratto da: La Stampa del 20 Giugno 2016

13/06/2016

La Brexit ancora non c’è, Londra sta già pagando il prezzo

Tratto da: La Stampa del 13 Giugno 2016

Considerazioni di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades sui movimenti di mercato che precedono il referendum britannico del 23 Giugno.

23/05/2016

La Fed apre al rialzo dei tassi e mette le ali al dollaro

Tratto da La Stampa del 23 Maggio 2016.

Il volo del dollaro osservato da Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

16/05/2016

L’euro e la sterlina più deboli rispetto al dollaro

Tratto da: La stampa del 16 Maggio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, descrive l’andamento delle previsioni sulle economie del Vecchio Continente e il cambio euro/dollaro.

09/05/2016

L’oro e il petrolio spingono sull’acceleratore

Tratto da: La stampa del 9 Maggio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, fa una analisi sulle le principali commodities e metalli preziosi in contesti USA e UK difficili.

03/05/2016

Brexit – Nell’urna c’è una scommessa valutaria

Tratto da Corriere Economia del 3 Maggio 2016

Il referendum sulla permanenza del Regno Unito nella UE si avvicina e Carlo De Casa, Capo Analista di ActivTrades, osserva gli scenari attorno ad esso.

25/04/2016

Draghi spinge l’euro al ribasso, recuperano dollaro e sterlina

Tratto da La Stampa del 25 Aprile 2016

Osservazioni di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sui movimenti delle valute principali e di alcuni metalli preziosi.

19/04/2016

Trading, corsi di formazione nel Nord-Ovest. Debutta Genova.

Tratto da: Il Secolo XIX del 19 Aprile 2016

Articolo con tutte le prossime tappe del Tour ActivTrades al Nord-Ovest Italia a Genova, Torino e Alba.

18/04/2016

La mini riscossa della sterlina e la ripresa dell’argento

Tratto da La Stampa del 18 Aprile 2016

Considerazioni di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sul complesso scenario macroeconomico attuale.

04/04/2016

La Fed rinvia l’aumento dei tassi e il dollaro perde quota

Tratto da: La Stampa del 04 Aprile 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, descrive le reazioni ribassiste del cambio EURUSD dopo il discorso di Janet Yellen della scorsa settimana.

23/03/2016

Economia in ripresa, ma peserà la paura attentati

Tratto da: Quotidiano Nazionale del 23 Marzo 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, risponde alle domande di Achille Perego sulla situazione dei mercati e le reazioni dopo gli attentati in Belgio.

21/03/2016

Cautela sui tassi, così la Federal Reserve frena il dollaro

Tratto da: La Stampa del 21 Marzo 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, descrive le reazioni dei mercati alle parole di Janet Yellen sui tassi di interesse americani.

14/03/2016

La rimonta del petrolio continua, l’oro tocca nuovi massimi

Tratto da: La Stampa del 14 Marzo 2016

Articolo di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, a riguardo della manovra di Mario Draghi e i suoi effetti sulle valute.

09/03/2016

Euro ai minimi, ma la corsa al ribasso non è finita

Tratto da: La Stampa del 9 Marzo 2015

Ancora l’occhio attento di Carlo De Casa, analista di ActivTrades, sul trend ribassista dell’Euro.

07/03/2016

Mini boom per il petrolio: +30% dai minimi di Febbraio

Tratto da: La stampa del 7 Marzo 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, descrive come il rialzo del petrolio stia trascinando i mercati in attesa del discorso di Draghi alla BCE.

29/02/2016

Il Pil USA spinge il dollaro, il rischio Brexit affonda la sterlina

Tratto da: La Stampa del 29 Febbraio 2016

A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, descrive gli andamenti di Dollaro e Sterlina in relazione ai dati positivi USA e al rischio Brexit.

22/02/2016

La minaccia della Brexit indebolisce la sterlina

Tratto da: La Stampa 22 Febbraio 2016.

Articolo di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, spiega le implicazioni del caso Brexit sulla la sterlina.

22/02/2016

Facciamo lo sconto ai trader sulle valute. E andiamo a Dubai.

Tratto da: Corriere Economia del 22 Febbraio 2016

Alex Pusco, fondatore di ActivTrades, racconta il presente del broker londinese e ne anticipa il futuro.

15/02/2016

La Yellen mette il turbo all’euro, la sterlina resta debole

Tratto da: La Stampa del 15 Febbraio 2016

Il punto su valute e materie prime di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, su La Stampa.

15/02/2016

Beni rifugio. L’improvviso risveglio dell’oro.

Tratto da: Corriere della Sera del 15 Febbraio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, spiega a Pieremilio Gadda con l’analisi tecnica la situazione del bene rifugio per eccellenza.

15/02/2016

La paura rilancia lingotti e monete. Ma la corsa all’oro è piena di ostacoli.

Tratto da: La Stampa del 15 Febbraio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, spiega i motivi della corsa all’oro e dei possibili driver che la muovono.

08/02/2016

La Federal Reserve toglie benzina al biglietto verde

Tratto da: La Stampa dell’8 Febbraio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, valuta la situazione del cambio Euro Dollaro in relazione con gli altri mercati.

01/02/2016

Il petrolio tenta la riscossa, oro e argento in rialzo

Tratto da: La Stampa del 1 Febbraio 2016

Gli ultimi movimenti nel comparto delle materie prime visti da Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

26/01/2016

Mercati – Petrolio, dollaro oro: i convitati di pietra

Tratto da: Corriere della Sera del 26 Gennaio 2016

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, analizza la situazione del metallo giallo in un contesto di tensioni finanziare, gepolitiche e costi di estrazione più bassi.

25/01/2016

Draghi zavorra l’euro, sotto i riflettori dollaro e sterlina

Tratto da: La Stampa del 25 Gennaio 2016

Le conseguenze delle azioni di Mario Draghi sulle valute principali, osservate da Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

18/01/2016

Il petrolio sprofonda, la sterlina continua a perdere quota

Tratto da La Stampa del 18 Gennaio 2016

Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, si sofferma sui timori causati dal crollo inarrestabile del greggio.

11/01/2016

I timori sulla Brexit spingono la sterlina ai minimi da 6 anni

Tratto da: La Stampa dell’11 Gennaio 2016

Considerazioni di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades, sulle vicende attorno alla valuta d’Oltremanica.

08/01/2016

La sindrome cinese colpisce ancora: borse ko, incubo tempesta perfetta

Tratto da Quotidiano Nazionale dell’8 Gennaio 2016

Il punto di vista sulle Banche Centrali nel 2016 di Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

14/12/2015

Euro-Dollaro, tutto dipende dalla Yellen

Tratto da: La Stampa del 14 Dicembre 2015

La settimana decisiva per la valuta americana osservata da Carlo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades.

07/12/2015

L’euro rialza la testa, aspettando la Federal Reserve

Tratto da: La Stampa del 7 Dicembre 2015

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, descrive la situazione attuale sui mercati post conferenza stampa BCE di Mario Draghi.

30/11/2015

Non si ferma la caduta dell’oro, giù anche l’argento

Tratto da: La Stampa del 30 Novembre 2015

Articolo di Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, in merito alla situazione di Oro e Argento.

23/11/2015

Euro ai minimi di aprile, e la caduta non è finita

Tratto da: La Stampa del 23 Novembre 2015

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, scrive per La stampa descivendo la situazione economica e sulla debolezza di Euro Dollaro ed oro.

09/11/2015

ActivTrades – Commissioni azzerate

Tratto da: Corriere della Sera del 9 Novembre 2015

Il Corriere della sera riporta le ultime date del Trading Tour ActivTrades 2015 e descrive la promozione natalizia in cui azzeriamo le spese e commissioni per i mercati azionari.

09/11/2015

Euro e dollaro in ostaggio dei banchieri centrali

Tratto da: Corriere della Sera del 9 Novembre 2015

Carlo A. De Casa, Capo Analista di ActivTrades, risponde a Lionello Cadorin sulle vicissitudini di Euro e Dollaro.

02/11/2015

Il dollaro si rafforza in attesa della Federal Reserve

Tratto da: La Stampa del 2 Novembre 2015

Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, si sofferma sull’andamento del Dollaro nell’attesa delle future decisioni di Janet Yellen.

26/10/2015

Le mosse di Draghi raffreddano l’euro

Tratto da: La Stampa del 26 Ottobre 2015

Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, osserva l’effetto delle decisioni di Draghi sulle principali valute e sulle materie prime.

05/10/2015

Materie prime: il palladio ringrazia Volkswagen

Tratto da: Il Corriere Della Sera del 5 Ottobre 2015

Lionello Cadorin intervista Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, sui contraccolpi delle materie prime dopo il crollo del titolo di Wolfsburg.

05/10/2015

Lo scandalo Volkswagen fa brillare il palladio

Tratto da: La Stampa del 5 Ottobre 2015

Un particolare aspetto del terremoto finanziario scatenato dal “dieselgate” analizzato da Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

25/09/2015

Commodity Club: il nuovo programma sulle materie prime di ActivTrades & FinanzaOnlineTV

Tratto da: Forexinfo.it del 25 Settembre 2015

Dalla collaborazione di ActivTrades e FinanzaOnLine nasce “Commodity Club”, un nuovo programma dedicato alle materie prime.

25/09/2015

ActivTrades & FinanzaOnlineTV lanciano Commodity Club, nuovo programma dedicato alle materie prime

Tratto da: Finanza.com del 25 Settembre 2015

L’annuncio del nuovo programma di FinanzaOnLine TV, in collaborazione con ActivTrades.

22/09/2015

La Fed confonde i mercati e l’oro torna a salire

Tratto da: La Stampa del 22 Settembre 2015

L’inversione della tendenza ribassista dell’oro analizzata da Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

15/09/2015

Aspettando la Fed, l’euro rialza la testa

Tratto da: La Stampa del 15 Settembre 2015

Il Chief Analyst di ActivTrades, Carlo A. De Casa, osserva l’andamento dell’euro nei confronti del dollaro.

16/07/2015

La ripresa dell’euro è ancora lontana

Tratto da: La Stampa del 16 Luglio 2015

L’andamento dell’euro osservato da Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

13/07/2015

La Caporetto di oro, petrolio e materie prime

Tratto da: La Stampa del 13 Luglio 2015

Gli effetti del rallentamento cinese osservati da Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

06/07/2015

L’oro spera tanto di fare l’indiano

Tratto da: Corriere della Sera del 6 Luglio 2015

Osservazioni estive sul metallo giallo di Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

06/07/2015

Tensioni su euro e dollaro australiano

Tratto da: La Stampa del 6 Luglio 2015

Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, commenta i rapporti tra varie valute mondiali.

29/06/2015

La scommessa sulla Grexit come opportunità

Tratto da: La Stampa del 29 Giugno 2015

L’incerto scenario greco sotto la lente di ingrandimento di Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

22/06/2015

Euro e dollaro in affanno, la sterlina recupera terreno

Tratto da: La Stampa del 22 Giugno 2015

Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, analizza il continuo rincorrersi delle principali valute.

15/06/2015

Euro e dollaro, tutto dipende da Atene e dalla Fed

Tratto da: La Stampa del 15 Giugno 2015

Il delicato equilibrio tra Euro e Dollaro visto da Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

08/06/2015

La corsa del dollaro affossa i metalli preziosi

Tratto da La Stampa dell’8 Giugno 2015

Le difficoltà del mercato dei metalli preziosi viste da Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

01/06/2015

Monete: la divisa unica è finita nella morsa di USA e Regno Unito

Tratto da Corriere Economia del 1 Giugno 2015

Il panorama del rapporto euro-dollaro analizzato da Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades

29/05/2015

Instabilità, il mare ideale per il TOL

Tratto da Il Messaggero del 29 Maggio 2015

Osservazioni generali sui mercati di Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

25/05/2015

Grecia e Federal Reserve fanno scivolare l’euro

Tratto da La Stampa del 25 Maggio 2015

Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, osserva l’ascesa e la caduta del cambio euro-dollaro della metà di Aprile.

18/05/2015

La super-sterlina straccia il dollaro, l’euro rifiata

Tratto da La Stampa del 18 Maggio 2015

L’euro osservato da Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

11/05/2015

Effetto Cameron, la sterlina in rialzo sul dollaro

Tratto da La Stampa del 11 Maggio 2015

Il rapporto sterlina/dollaro analizzato dal Chief Analyst di ActivTrades, Carlo A. De Casa.

04/05/2015

La Fed non rialza i tassi e il dollaro perde colpi

Tratto da La Stampa del 4 Maggio 2015

Il momento delicato del dollaro americano sotto la lente d’ingrandimento di Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

27/04/2015

L’euro prova a rialzare la testa, l’oro va ancora giù

Tratto da La Stampa del 27 Aprile 2015

Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, si sofferma sulla divisa del Vecchio Continente e sul metallo giallo.

20/04/2015

L’euro prova a rialzare la testa con il dollaro

Tratto da La Stampa del 20 Aprile 2015

L’occhio attento di Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, sulla sfida perenne tra Euro e Dollaro.

16/04/2015

Ma nelle case degli italiani è rimasto un tesoretto

Tratto da La Stampa del 16 Aprile 2015

Il rapporto tra gli italiani e l’oro agli occhi di Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

30/03/2015

Atene fa meno paura e la parità euro-dollaro si allontana

Tratto da: La Stampa del 30 Marzo 2015

L’andamento dell’Euro e del Dollaro americano secondo Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

25/03/2015

L’euro debole è una risorsa da sfruttare

Tratto da: il Giornale del 25 Marzo 2015

Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, commenta l’andamento dell’euro e annuncia le nuove tappe del Trading Tour 2015

24/03/2015

Tour tutto d’oro per ActivTrades

Tratto da: Milano Finanza del 24 Marzo 2015

Il noto quotidiano economico italiano esalta il Trading Tour 2015 di ActivTrades.

23/03/2015

Oro: rialzo, ma in euro il prezzo resta uguale

Tratto da: La Stampa del 23 Marzo 2015

Il trend del metallo giallo osservato da Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

23/03/2015

ActivTrades: l’euro resterà debole rispetto al dollaro

Tratto da: La Stampa del 23 Marzo 2015

Commenti di Carlo A. De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, sul futuro dei rapporti tra Euro e Dollaro USA.

16/03/2015

Il superdollaro schiaccia petrolio e materie prime

Tratto da: La Stampa del 16 Marzo 2015

Osservazioni di Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, sull’andamento della divisa statunitense.

02/03/2015

L’euro rompe gli argini, già a 1,12 sulla valuta Usa

Tratto da: La Stampa del 2 Marzo 2015

Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, osserva la rapida discesa dell’Euro sul Dollaro USA.

23/02/2015

Sterlina sugli scudi, oro sempre più giù

Tratto da: La Stampa del 23 Febbraio 2015

Commenti di Carlo De Casa, Chief Analyst di ActivTrades, sull’andamento del metallo prezioso e della divisa inglese.

09/02/2015

Il dollaro schiaccia tutti, tranne il petrolio

Tratto da: La Stampa del 9 Febbraio 2015

Carlo Alberto De Casa, Analyst di ActivTrades, esamina come l’andamento euro/dollaro influenza i prezzi delle materie prime.

02/02/2015

La moneta unica si rafforza dopo aver toccato i minimi

Tratto da: La Stampa del 2 Febbraio 2015

Il Senior Analyst dei mercati valutari di ActivTrades, Carlo De Casa, analizza il recupero dell’euro sul franco svizzero.

28/01/2015

I vantaggi per l’Italia dell’euro debole

Tratto da: Il giornale del 28 Gennaio 2015

Carlo Alberto De Casa di ActivTrades: “Piu’ spazio al nostro export e bollette meno care”

19/01/2015

Euro ancora in calo per super-franco e Bce

Tratto da: La Stampa del 19 Gennaio 2015

Carlo De Casa, Senior Analyst di ActivTrades, si sofferma sui delicati rapporti tra l’Euro e la valuta elvetica.

15/01/2015

Sorpresa dalla Svizzera: la banca centrale sgancia il franco

Tratto da: repubblica.it del 15 Gennaio 2015

Raffaele Ricciardi di Repubblica.it cita la analisi tracciata da Carlo De Casa sulle ripercussioni che il movimento drastico del franco ha avuto sull’euro.

12/01/2015

L’oro prova a superare i massimi di ottobre

Tratto da: La Stampa del 12 Gennaio 2015

L’andamento del metallo giallo commentato da Carlo Alberto De Casa.

06/01/2015

I cambi già scesi molto, difficile proseguire. L’Italia sfrutti i vantaggi.

Tratto da: La Stampa del 6 Gennaio 2015

Carlo Alberto De Casa, Senior Analyst di ActivTrades, osserva lo scenario valutario.

22/12/2014

Si allenta la tensione, ma il rublo è osservato

Tratto da: La Stampa del 22 Dicembre 2014

La delicata situazione russa sotto la lente di ingrandimento di Carlo Alberto De Casa.

15/12/2014

Rublo in picchiata, l’euro resiste all’effetto Grecia

Tratto da: La Stampa del 15 Dicembre 2014

Carlo Alberto De Casa, Senior Analyst di ActrivTrades, si sofferma sui preoccupanti scenari economici russi.

08/12/2014

Ho portato i broker sul Web, ora punto sullo smartphone

Tratto da: La Stampa dell’8 Dicembre 2014

Alex Pusco, carismatico fondatore di ActivTrades, pone i futuri obiettivi di crescita e sviluppo.

01/12/2014

La caduta del petrolio travolge anche il rublo

Tratto da: La Stampa del 1 Dicembre 2014

L’occhio attento di Carlo Alberto De Casa sulle conseguenze della caduta dell’oro nero.

24/11/2014

Effetto referendum, franco svizzero sotto pressione

Tratto da: La Stampa del 24 Novembre 2014

Carlo Alberto De Casa ritorna ad osservare la situazione elvetica.

17/11/2014

Un referendum tiene in ostaggio la Svizzera e l’oro

Tratto da: La Stampa del 17 Novembre 2014

Carlo Alberto De Casa si sofferma sui possibili scenari finanziari elvetici.

12/11/2014

Tra valute e preziosi, consigli utili per investire

Tratto da: il Giornale del 12 Novembre 2014

Indicazioni di Carlo Alberto De Casa per investire su metalli e valute.

10/11/2014

Petrolio e Ucraina, continua lo scivolone del rublo

Tratto da: La Stampa del 10 Novembre 2014

Carlo Alberto De Casa analizza la caduta del rublo.

03/11/2014

Tokyo e la Yellen mettono il turbo al dollaro

Tratto da: La Stampa del 3 Novembre 2014

Osservazioni di Carlo Alberto De Casa sulla valuta d’oltreoceano

27/10/2014

La lunga frenata del dollaro australiano

Tratto da: La Stampa del 27 Ottobre 2014

Considerazioni di Carlo Alberto De Casa, Senior Market Analyst di ActivTrades.

20/10/2014

L’euro si riprende mentre i listini vanno giù

Tratto da: La Stampa del 20 Ottobre 2014

Carlo Alberto De Casa si sofferma sull’autunno difficile dei mercati.

13/10/2014

L’euro rialza la testa, in recupero anche l’oro

Tratto da: La Stampa del 13 Ottobre 2014

La moneta dell’UE e l’oro sotto la lente d’ingrandimento di Carlo De Casa.

07/10/2014

Le conseguenze dell’euro debole

Tratto da: Il Giornale del 7 Ottobre 2014

Considerazioni di Carlo Alberto De Casa, senior market analyst di ActivTrades

06/10/2014

Continua la marcia del dollaro, l’oro è sul baratro

Tratto da: La Stampa del 6 Ottobre 2014

Carlo Alberto De Casa, Senior Analyst di ActivTrades, si sofferma sulle traversie del metallo prezioso

29/09/2014

Euro in caduta libera

Tratto da: La Stampa del 29 Settembre 2014

Carlo Alberto De Casa, senior analyst di ActivTrades, analizza il momento di debolezza della valuta del vecchio continente dopo il taglio dei tassi di interesse di settembre.

22/09/2014

La sterlina brinda grazie al “no” scozzese

Tratto da: La Stampa del 22 Settembre 2014

Osservazioni post referendum di Carlo Alberto De Casa.

17/09/2014

L’autunno caldo delle valute europee

Tratto da: Il Giornale del 17 Settembre 2014

Analisi di Carlo Alberto De Casa, senior analyst di ActivTrades, sulle attuali vicende valutarie nel Vecchio Continente.

15/09/2014

La sterlina in balia dei sondaggi sulla Scozia

Tratto da: La Stampa del 15 Settembre 2014

Carlo Alberto De Casa, senior analyst di ActivTrades, osserva la delicata situazione d’oltremanica.

08/09/2014

La Scozia in bilico fa perdere punti alla sterlina

Tratto da: La Stampa del 08 Settembre 2014

Carlo Alberto De Casa, senior analyst di ActivTrades, analizza l’attuale scenario del mercato britannico.

21/07/2014

Il Corriere della Sera presenta, sulle sue pagine economiche, la carismatica figura di Alex Pusco, fondatore di ActivTrades

Tratto dal Corriere della Sera del 21 Luglio 2014

L’articolo, firmato da Lionello Cadorin, presenta tramite un’intervista a De Casa, la storia del broker ActivTrades ed il percorso che ha portato Alex Pusco dalla Svizzera alla City londinese nel suo formidabile percorso di crescita.

14/07/2014

La borsa europea rallenta e mette le ali allo yen

Tratto da La Stampa del 14 Luglio 2014

Analisi sui mercati finanziari con la discesa delle borse europee ed il recupero dello yen giapponese nei confronti delle principali divise.

07/07/2014

Draghi indebolisce l’euro mentre corre la sterlina

Tratto da La Stampa del 7 Luglio 2014

30/06/2014

Attesa per i tassi, ondata di acquisti sulla sterlina

Tratto da La Stampa del 30 Giugno 2014

De Casa (ActivTrades)analizza i mercati valutari con la sterlina inglese che ha raggiunto nuovi massimi nei confronti di euro e dollaro americano.

23/06/2014

L’oro brilla e recupera 40 dollari in una settimana

Tratto da La Stampa del 23 Giugno 2014

Carlo De Casa osserva la situazione dell’Iraq ed il calo del dollaro che spingono al rialzo il bene rifugio per eccellenza.

16/06/2014

La caduta dell’oro trova una fascia di assestamento

Tratto da La Stampa del 16 Giugno 2014

Brilla la sterlina e il dollaro rimonta sull’euro. L’oro tenta il rimbalzino, il palladio fa il record ma poi crolla.

09/06/2014

Draghi detta la linea al rapporto euro/dollaro

Tratto da La Stampa del 9 Giugno 2014

Mario Draghi ancora protagonista sui mercati valutari. L’intervento del Presidente della Banca Centrale Europea ha frenato il Supereuro, spingendo la valuta unica verso quota 1,35. Analisi a cura di Carlo Alberto De Casa

02/06/2014

Aspettando le mosse di Draghi l’euro resta stabile

Tratto da La Stampa del 2 Giugno 2014

Aspettando il meeting della Banca centrale Europea e le mosse di Draghi l’euro resta stabile sui mercati valutari.

26/05/2014

L’euro più fragile, si rafforza la sterlina

Tratto da La Stampa del 26 Maggio 2014

Carlo Alberto De Casa analizza i mercati valutari per La Stampa, in attesa delle elezioni europee.

20/05/2014

Trading online: un interesse in costante crescita

Tratto da “Effe – Trading Online”

Il trading online italiano visto da Londra nell’intervista a Carlo Alberto De casa, responsabile per l’Italia di ActivTrades.

19/05/2014

Euro sotto 1,37 e il palladio supera gli 800 dollari

Tratto da La Stampa del 19 Maggio 2014

L’euro torna sotto quota 1,37sulla scia del discorso di Draghi dell’8 maggio. Sui mercati dei metalli preziosi l’oro stabile in area 1.280-1.300, mentre il palladio arriva oltre quota 800 dollari l’oncia, proseguendo il trend rialzista in essere da inizio anno.

13/05/2014

Effetto Draghi sul supereuro

Tratto da La Stampa del 13 Maggio 2014

E’ ancora Draghi il protagonista sui mercati valutari. L’intervento del Presidente della Bce ha frenato il Supereuro, spingendo la valuta unica verso quota 1,37, dopo massimi prossimi a quota 1,40. Analisi a cura di Carlo Alberto De Casa

12/05/2014

ActivTrades allarga l’operatività su nuovi prodotti

Tratto da Repubblica del 12 Maggio 2014

Il quotidiano Repubblica illlustra i nuovi prodotti di ActivTrades, fra cui le azioni sul Dax, l’indice indiano e numerose coppie di valute

12/05/2014

ActivTrades allarga l’operatività anche sul Dax30

Tratto da Repubblica del 12 Maggio 2014

ActivTades allarga l’operatività anche sul Dax 30 e su nuovi indici, fra cui quello indiano. Carlo Alberto De Casa illustra le novità del broker londinese a Repubblica – Affari e Finanza.

08/05/2014

Carlo A. De Casa commenta le mosse della BCE

Tratto da Repubblica dell’8 Maggio 2014

Analisi sulle mosse di Draghi e della Bce: il commento dell’analista di ActivTrades Carlo Alberto De Casa per il quotidiano Repubblica

05/05/2014

Gli Stati Uniti ripartono, il dollaro non ancora

Tratto da La Stampa del 5 Maggio 2014

Nonostante i buoni dati macroeconomici americani il dollaro Usa resta debole sui mercati valutari. Ancora acquisti sulla sterlina inglese, in ripresa anche la lira turca.

28/04/2014

Risalire a quota 1300, la nuova sfida dell’oro

Tratto da La Stampa del 28 Aprile 2014

14/04/2014

Una brutta settimana per lira turca e rublo

Tratto da La Stampa del 14 Aprile 2014

07/04/2014

Effetto Draghi, l’euro perde colpi sul dollaro

Tratto da La Stampa del 7 Aprile 2014

31/03/2014

Balzo del kiwi, vola il dollaro neozelandese

Tratto da La Stampa del 31 Marzo 2014

24/03/2014

Dollaro in ripresa, rifiata l’export europeo

Tratto da La Stampa del 24 Marzo 2014

17/03/2014

Il supereuro verso quota 1,40 spaventa la BCE

Tratto da La Stampa del 17 Marzo 2014

10/03/2014

L’Ucraina frena il rublo, bene il dollaro australiano

Tratto da La Stampa del 10 Marzo 2014

03/03/2014

Crolla lo yuan cinese, e l’euro è sempre più super

Tratto da La Stampa del 3 Marzo 2014

24/02/2014

Il dollaro debole spinge all’insù oro e petrolio

Tratto da La Stampa del 24 Febbraio 2014

17/02/2014

L’oro torna a brillare, in recupero argento e palladio

Tratto da La Stampa del 17 Febbraio 2014

12/02/2014

Performance stellari con ActivTrades

Tratto da ITF Forum

10/02/2014

Il nuovo (momentaneo) recupero dell’euro

Tratto da La Stampa del 10 Febbraio 2014

03/02/2014

Lo scivolone degli (ex) Paesi emergenti

Tratto da La Stampa del 3 Febbraio 2014

27/01/2014

Nel confronto con il dollaro l’euro resta superstar

Tratto da La Stampa del 27 Gennaio 2014

20/01/2014

La sterlina ai massimi sull’euro dal dicembre 2012

Tratto da La Stampa del 20 Gennaio 2014

13/01/2014

Il dollaro resta debole, mini-rimbalzo per l’oro

Tratto da La Stampa del 13 Gennaio 2014