Strategia Dax future

Data: 31/08/18 07:30:00 Type: MFANAHP|SPA

Giornata di correzione per il Dax future (scadenza settembre 2018), che nel corso della sessione ha ceduto anche il supporto a 12.450 punti, salvo poi riuscire a recuperarlo. Proprio quest’ultima situazione ha preservato la struttura tecnica di breve, che rimane quindi costruttiva: il derivato rimane infatti in ottima posizione per estendere il movimento positivo verso 12.650 prima e 12.730 in un secondo momento. L’aumento della volatilità ha però reso lo scenario tecnico meno consistente e il rischio che possa ravvivarsi la pressione ribassista è ora più concreto: in questo senso, il supporto principale è sempre individuabile attorno a 12.100 punti, anche se già una discesa sotto 12.300 potrebbe indebolire la dinamica dei prezzi. Più incisiva è stata la battuta d’arresto dell’Eurostoxx50 future (scadenza settembre 2018), che ha comunque conservato un minimo margine dal primo supporto a 3.410. Anche in questo caso il quadro tecnico di breve si conferma quindi costruttivo, con il derivato che può sempre ambire a nuovi spazi di allungo verso 3.480 prima e 3.500 in un secondo momento. Al ribasso, solo il cedimento di quota 3.340-3.330 potrà decretare l’inversione ribassista del trend di breve. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Ftse Mib future

Data: 31/08/18 08:00:00 Type: CHF

Ancora una giornata nervosa per il Ftse Mib future, che ha confermato quanto già visto nella prima parte della settimana e cioè una dinamica intraday piuttosto erratica, confinata però all’interno di un range di oscillazione abbastanza contenuto, soprattutto in considerazione della volatilità che viene espressa dai prezzi nel corso delle contrattazioni. Dopo un’apertura a 20.700 punti, il derivato ha toccato un massimo intraday a 20.770, per poi pagare una veloce correzione che ha respinto il future fino a 20.550. Da questo livello è quindi partito un veloce rimbalzo fino a 20.700 punti, ribadito una seconda volta anche dopo un pullback fino a 20.600. Nella seconda parte della sessione il derivato ha però perso definitivamente quota e proprio nelle battute conclusive ha finito anche per aggiornare i minimi settimanali. Strategia operativa intraday. Il cedimento dei minimi avrebbe naturalmente un impatto negativo, tale da favorire un’operatività short in tendenza, anche con ampi margini di discesa, ma il primo target sarebbe collocato attorno a 20.430 punti, troppo vicino per ammettere il rischio. Meglio quindi sfruttare un eventuale tentativo di rimbalzo verso 20.590-2.600 per un ingresso short sulla forza, con stop loss iniziale a 20.725. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Euro/dollaro

Data: 31/08/18 09:00:00 Type: NANSC|MFTGED

Si conferma costruttivo il quadro tecnico di breve del cambio euro/dollaro, che ieri ha pagato una lieve flessione, per ora ininfluente in termini grafici: la moneta unica rimane infatti al di sopra del supporto a 1,163 e conserva quindi ancora lo slancio positivo partito a metà agosto. Certo, dall’altra parte si conferma anche come la resistenza a 1,175 non rappresenti un ostacolo di poco conto: solo un deciso breakout di tale barriera potrà dare nuova linfa al movimento positivo delle ultime settimane, proiettando il cambio verso la resistenza chiave a 1.185-1,186. Al ribasso, il cedimento di 1,163 finirebbe invece per indebolire il cambio, rimettendo in gioco l’importante area di supporto a 1,152-1,15. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)