Strategia Euro/dollaro

Data: 29/09/17 06:05:00 Type: NANSC|MFTGED

Nella giornata di giovedì il cambio euro/dollaro ha compiuto un veloce recupero, con le quotazioni che sono risalite fino a 1,18. Nonostante questo rimbalzo la struttura tecnica di breve termine rimane ancora contrastata, con diversi indicatori che registrano un rafforzamento della pressione ribassista. Da un punto di vista grafico, tuttavia, solo il cedimento di 1,1720 potrebbe fornire un nuovo segnale short, con target teorici a 1,17 prima e attorno a 1,1680 in un secondo momento. Negativa poi una discesa sotto quest’ultimo livello in quanto potrebbe riportare le quotazioni a ridosso di 1,1650. Un rimbalzo dovrà invece affrontare un primo ostacolo in area 1,1860-1,1865 e una seconda barriera a quota 1,19. (Gianluca Defendi)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Euro/Yen

Data: 29/09/17 06:05:00 Type: NANSC

Nella giornata di giovedì il cambio euro/yen ha tentato un allungo ma non è riuscito a superare quota 132,80 Il quadro tecnico di breve termine appare contrastato: prima di poter tentare un ulteriore allungo è necessaria una fase laterale di riaccumulazione. Da un punto di vista grafico, infatti, solo breakout della barriera posta a 134,40 potrebbe fornire un nuovo segnale rialzista, con un primo obiettivo a ridosso di 134,70 e un secondo target in area 134,90-134,95. Un’eventuale correzione troverà invece un primo sostegno a quota 130,65-130,60 e un secondo supporto in area 129,45-129,35. Negativa soltanto una discesa sotto questa zona. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Dollaro/Yen

Data: 29/09/17 06:15:00 Type: NANSC

Nella giornata di giovedì il cambio dollaro/yen ha subito una veloce correzione, innescata dal mancato superamento di quota 113,20-113,25, ed è sceso sotto 112,50.  La struttura tecnica di breve termine rimane costruttiva ma, prima di un ulteriore allungo, è necessaria una fase laterale di consolidamento. Da un punto di vista grafico, infatti, soltanto il breakout di 113,25 potrebbe fornire un nuovo segnale rialzista, con target teorici a 113,60 prima e in area 113,90-113,95 in un secondo momento. Un’ulteriore correzione dovrebbe invece arrestarsi a contatto con il sostegno situato a ridosso di quota 111,50. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Dax future

Data: 29/09/17 07:45:00 Type: MFANAHP|SPA

Nella seduta di giovedì il Dax future (scadenza settembre 2017) ha compiuto un nuovo balzo in avanti e si è portato a ridosso di quota 12.700. La situazione tecnica di breve termine rimane pertanto costruttiva: dopo una breve pausa di consolidamento è possibile un ulteriore allungo, con un primo target a 12.725 e un secondo obiettivo in area 12.750-12.760. Soltanto il ritorno sotto 12.485 potrebbe fornire un segnale di debolezza e innescare una flessione di una certa consistenza.

L’Eurostoxx50 future (scadenza settembre 2017) ha tentato un nuovo allungo ma non è riuscito a superare quota 3.556. La struttura tecnica di breve termine rimane comunque costruttiva: prima di un nuovo allungo, che avrà un primo target a 3.570 punti, è comunque probabile una pausa di consolidamento. Pericolosa una discesa sotto 3.506 anche se, da un punto di vista grafico, sarà soltanto il cedimento di quota 3.492 a fornire un segnale ribassista. (riproduzione riservata)§

Gianluca Defendi

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Ftse Mib future

Data: 29/09/17 08:15:00 Type: CHF

È stata una giornata contrastata sul mercato azionario italiano che non è riuscito ad allungare con decisione ma rimane all’interno di una solida tendenza rialzista di breve termine. Il Ftse Mib future (scadenza dicembre 2017), dopo un’apertura a 22.620, è infatti sceso in area 22.520-22.505 prima di risalire sui valori iniziali. La situazione tecnica rimane pertanto costruttiva: dopo una breve pausa di consolidamento è possibile infatti un ulteriore allungo, con target teorici a 22.660, in area 22.700-22.710 poi e attorno a 22.750-22.760 successivamente. Pericolosa solo una discesa sotto 22.300 anche se, da un punto di vista grafico, sarà il cedimento di 22.250 a fornire un segnale negativo e innescare una rapida correzione verso il successivo sostegno statico situato in area 22.000-21.980 punti. Strategia operativa intraday. Long su correzione verso 22.420-22.410 con target a 22.500 prima e in area 22.600-22.610 successivamente. Stop a 22.300. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia FtseMib future intraday

Data: 29/09/17 10:40:00 Type: CHF

Mattinata contrastata sul mercato azionario italiano che, complice una marcata contrazione dei volumi, non riesce tuttavia ad allungare con decisione. Il Ftse Mib future (scadenza dicembre 2017), dopo un’apertura a 22.565, è sceso fino a quota 22.480 prima di salire in area 22.580-22.585. La situazione tecnica rimane costruttiva: dopo una breve pausa di consolidamento è possibile pertanto un ulteriore allungo, con target teorici a 22.650 prima, in area 22.700-22.710 poi e attorno a 22.750-22.760 successivamente. Pericolosa solo una discesa sotto 22.300 anche se, da un punto di vista grafico, sarà il cedimento di 22.250 a fornire un segnale negativo e innescare una rapida correzione verso il sostegno statico situato in area 22.000-21.980 punti. Strategie operative intraday. Tra i titoli proposti in tabella è scattato il segnale long su Brembo. Recordati ha invece registrato un minimo intraday proprio a 39,02 euro, nostro livello d’entrata long. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)