Strategia Dax future

Data: 04/09/18 06:30:00 Type: MFANAHP|SPA

Avvio di settimana piuttosto fiacco per il Dax future (scadenza settembre 2018) ha confermato il cedimento del supporto di breve a 12.450 punti, mostrando comunque una discreta capacità di tenuta sopra il successivo sostegno a quota 12.300. L’impulso positivo partito a metà agosto è in discussione e proprio una discesa sotto 12.300 fornirà un segnale di debolezza che rimetterà in gioco il supporto principale posto attorno a 12.100 punti. Sarà comunque solo una discesa sotto quest’ultimo livello a imporre un brusco stop Di nuovo piuttosto simile la situazione dell’Eurostoxx50 future (scadenza settembre 2018), che aveva chiuso la scorsa settimana in debito d’ossigeno, mettendo in discussione il supporto chiave a 3.390 punti. Anche ieri la tenuta di questo livello ha comunque preservato il quadro tecnico di breve, garantendo ancora un discreto margine di sicurezza rispetto alla base più importante: solo il cedimento di quota 3.340-3.330 potrà infatti decretare l’inversione ribassista del trend di breve. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Euro/dollaro

Data: 04/09/18 06:45:00 Type: NANSC|MFTGED

Nella giornata di lunedì il cambio euro/dollaro (EUR/USD) ha tentato un recupero ma è rimasto al di sotto di 1,1630. La struttura tecnica di breve periodo appare contrastata: prima di poter iniziare un movimento rialzista di una certa consistenza sarà pertanto necessaria una fase laterale di riaccumulazione al di sopra del sostegno posto a quota 1,1530. Da un punto di vista grafico, infatti, solo il breakout di 1,1760 potrebbe fornire una chiara dimostrazione di forza. Pericolosa invece una discesa sotto 1,1530 in quanto può innescare una rapida correzione verso 1,1485 prima e in area 1,1440-1,1435 successivamente. (Gianluca Defendi)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Ftse Mib future

Data: 04/09/18 07:30:00 Type: CHF

Avvio di settimana positivo per il Ftse Mib future, che ha trovato lo spazio per una parziale reazione, scongiurando il rischio di un’ulteriore accelerazione ribassista, pur senza trovare lo spazio per un rimbalzo di portata significativa. Dopo un’apertura a 20.240 punti, il derivato è subito rimbalzato verso 20.350, per poi correggere fino a 20.250 e quindi allungare di nuovo verso 20.400 punti. Dopo il test di quest’ultimo livello il derivato iniziare una nervosa fase di consolidamento attorno a 20.300. Nella fase pomeridiana il future ha dovuto poi gestire un’ulteriore fase correttiva, che non ha però impedito al benchmark di piazza Affari di terminare la sessione a ridosso dei massimi intraday. La chiusura di Wall Street per festività ha ridotto i volumi, ma la volatilità giornaliera è stata comunque piuttosto elevata, in linea con il nervosismo di settimana scorsa. Strategie operative intraday. Short in caso di ulteriore allungo verso 20.515-20.530 punti, con uno stop loss iniziale a 20.645 e obiettivi giornalieri a 20.400 prima, 20.320 in seconda battuta e 20.230-20.215 in ultima analisi. (riproduzione riservata)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Dollaro/Yen

Data: 04/09/18 09:25:00 Type: NANSC

Nella giornata di lunedì il cambio dollaro/yen (USD/YEN) ha tentato un recupero ma non è riuscito a superare quota 111,20. La situazione tecnica di breve termine rimane quindi contrastata: prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà pertanto una fase riaccumulativa. Un rimbalzo dovrà infatti affrontare un duro ostacolo in area 111,75-111,85. Soltanto il breakout di questa zona potrebbe fornire un segnale rialzista e innescare un allungo di una certa consistenza. Un’eventuale correzione troverà invece un primo supporto attorno a quota 110,50-110,45 e un secondo sostegno a ridosso di quota 110. (riproduzione riservata)

Gianluca Defendi

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)