Strategia Euro/Yen

Data: 02/05/18 06:10:00 Type: NANSC

Nella giornata di martedì il cambio euro/yen (EUR/YEN) ha subito una nuova correzione ed è sceso fino a quota 131,55. La struttura tecnica di breve termine rimane contrastata: da un punto di vista grafico, infatti, soltanto il breakout della barriera posta a quota 133,50 potrebbe provocare un’inversione rialzista di tendenza. Un’ulteriore correzione può spingere i prezzi verso l’importante supporto grafico situato in area 131,10-131. Una discesa sotto questa zona potrebbe poi estendere la flessione verso il successivo supporto posto a quota 130,65-130,60. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Dollaro/Yen

Data: 02/05/18 06:30:00 Type: NANSC

Nella giornata di martedì il cambio dollaro/yen (USD/YEN) ha compiuto un nuovo balzo in avanti ed è salito fino a quota 109,90. La situazione tecnica di breve termine rimane pertanto costruttiva (i vari indicatori direzionali che si trovano in posizione long e segnalano la presenza di una solida tendenza rialzista): dopo una breve pausa di consolidamento è possibile un ulteriore allungo con un primo target a quota 110,20-110,25 e un secondo obiettivo a ridosso di 110,50. Difficile per adesso ipotizzare un’inversione ribassista di tendenza. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

 

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)


Strategia Euro/dollaro

Data: 02/05/18 07:05:00 Type: NANSC|MFTGED

Nella giornata di martedì il cambio euro/dollaro (EUR/USD) ha subito una nuova flessione ed è sceso fino a quota 1,1980. La struttura tecnica di breve termine rimane quindi precaria e solo il forte ipervenduto registrato dagli oscillatori più reattivi può impedire un ulteriore cedimento e favorire una fase laterale di consolidamento. Un rimbalzo dovrà comunque affrontare un primo ostacolo attorno a quota 1,2060 e una seconda barriera in area 1,2140-1,2160. Prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà comunque necessaria una fase riaccumulativa. Una nuova flessione avrà invece un primo target a 1,1960-1,1955 e un secondo obiettivo a 1,1940-1,1935. (Gianluca Defendi)

(MFIU – Milano Finanza Intelligence Unit)