Sterlina in recupero dopo la caduta?

La vera e unica novità rispetto al commento di venerdi’ scorso è rappresentata dal movimento a cui abbiamo assistito proprio l’ultimo giorno operativo della settimana scorsa, caratterizzato dalla discesa improvvisa della sterlina contro dollaro e, congiuntamente, alla salita impulsiva di EurGbp. Si è trattato di qualcosa di apparentemente anomalo, della durata di una seduta, con la valuta britannica che contro euro, dai massimi della mattina a 0.9015-20 area ha perso progressivamente terreno, in assenza di notizie rilevanti, fino a 0.9100, massimo raggiunto in serata, quando è stata diffusa una notizia relativa ad un articolo, vecchio di un giorno peraltro del Guardian, in cui la Cancelliera Merkel metteva in guardia da un possibile fallimento dei colloqui per la Brexit tra Ue e Uk, news trita e ritrita, come si suol dire, tirata fuori per l’occasione e francamente tutto ciò ci ha fatto sorridere, ma soprattutto, capire che lunedì, ovvero oggi, potrebbe essere il giorno del rientro della valuta britannica. Non dimentichiamo però che oggi i colloqui entrano in una fase decisiva, e quindi potremmo assistere ad un aumento della volatilità di breve termine comunque.

Per il resto, il panorama globale non ci fornisce novità o notizie rilevanti, a parte quella relativa alla diffusione Covid-19 negli Usa, che non accenna a rallentare, specie in alcuni stati tra cui il Texas, mentre in Europa non si registrano aumenti vertiginosi dei numeri della pandemia. Sul fronte del vaccino, si registrano novità in Cina, dove pare che una società, la SinoPharm Group, abbia pubblicato risultati incoraggianti, come l’alta concentrazione di anticorpi che svilupperebbe nei pazienti che l’avrebbero assunto nei test. Tornando al nostro mercato, l’Euro è tornato sopra 1.1220, mentre le oceaniche, dopo la discesa della settimana scorsa, tengono per ora i supporti. Il mercato resta tendenzialmente all’interno dei trading range creatisi nell’ultimo mese e mezzo e non accenna e schiodarsi da tali livelli, in ragione del fatto che le notizie che possono cambiare tale scenario devono essere di una certa portata e nulla, al momento sembra poter rappresentare un market mover tanto rilevante. Tutto sembra scontato nei prezzi attuali. Vedremo se nelle prossime settimane qualcosa cambierà, ma forse dovremo aspettare il mese di agosto, e forse settembre, quando sarà chiaro a tutti che la ripresa economica globale sarà molto lenta e probabilmente non duratura, così come gli effetti della pandemia. Da oggi, ci prendiamo una settimana di ferie, il nostro Mb ci sarà ma in versione ridotta.

 

Buon trading e buon inizio settimana.

 

Saverio Berlinzani