Analisi di Mercato

Analisi di mercato Saverio Berlinzani – 28/01/2021

LA CORSA ALL’INDEBOLIMENTO VALUTARIO

La storia, si ripete, si legge nei libri, anche in quelli in qualche modo legati ad investimenti e trading, e mai come in questo periodo, questo detto è tornato di moda. Il vecchio e per qualcuno obsoleto principio delle svalutazioni competitive, che dopo la nascita dell’Euro qualcuno aborriva in nome di questo nuovo mantra, era semplicemente stato temporaneamente accantonato, e non appena si è tornati a parlare di commercio, ad esso è stato immediatamente associato il termine di guerra valutaria, al fine di guadagnare quote commerciali che rappresentano, c’è ben poco da obiettare, uno dei principali motivi di benessere economico di un paese. E così la guerra commerciale, e di conseguenza valutaria, continua a dominare la scena ormai da oltre 30 anni, e sebbene durante gli incontri ufficiali si ripeta il mantra e la retorica legata al concetto che “le valute devono essere lasciate libere di muoversi secondo la legge della domanda e offerta”, non appena si assiste a movimenti di indebolimento che infastidiscono i partners commerciali, ecco che le autorità monetarie dei paesi a valuta forte, cominciano ad usare la retorica contraria, ovvero tentano di limitarne le oscillazioni. Ieri, dopo la decisione della banca centrale Usa di lasciare i Fed Funds nella forbice tra 0% e 0.25%, il Governatore della Fed Jerome Powell, in conferenza stampa, ha parlato dei rischi a cui l’economia americana va ancora incontro, soffermandosi sulla pandemia, sui rischi connessi alla nuova variante Covid e alla difficoltà dell’economia Usa, specie dal lato dell’occupazione, di ritornare a crescere ai ritmi precedenti. Ha detto tante cose il Governatore, tra cui il fatto che la Fed è capace di utilizzare gli strumenti per far ripartire la congiuntura che vivrà momenti di ripresa solo a partire dal secondo semestre. Non ha parlato di inflazione, anzi ha affermato che è assolutamente prematuro parlare di aumento dei prezzi e di tapering, e occorrerà molto tempo prima che questa torni al 2% e anche se ci tornasse, bisognerebbe, anche grazie al cambiamento della politica monetaria e della forward guidance, attendere che i prezzi siano stabilmente e per un certo periodo al di sopra dei livelli prefissati, prima di rialzare il costo del denaro. Più dovish di così non poteva essere.

Ci si poteva forse attendere un crollo del dollaro ed invece, la divisa americana si è ripresa ed ha, soprattutto contro oceaniche e dollaro canadese, ritrovato quella forza che mancava da settimane. Nei confronti dell’Euro siamo rimasti all’interno del range 1.2050-1.2150 e la ragione è legata alle dichiarazioni di Willem Knot, Governatore della banca centrale olandese e membro del Consiglio Direttivo Bce, il quale ha ribadito la volontà della autorità monetaria di frenare la corsa della moneta unica, sempre per ricordare come, alla fine, tutti cerchino di mantenere un cambio debole che conviene, eccome se conviene. Per anni l’Italia ha svalutato la propria moneta, la stessa Inghilterra lo ha fatto, poi si è passati al periodo delle svalutazioni competitive in Asia e alla manipolazione valutaria nei paesi del sud est asiatico, Cina in testa. E periodicamente si assiste a tentativi di deprezzamento del tasso di cambio quando vengono raggiunti certi eccessi. In ogni caso, cari amici, siamo di fronte ad una incertezza legata a questi temi, che persisterà e che vedrà, a nostro parere, il mercato oscillare nei prossimi mesi, in relazione proprio a tali dichiarazioni e alle decisioni di politica monetaria, che prima o poi dovranno fare i conti comunque con una inflazione che tornerà a crescere.

Sulle oceaniche segnaliamo la violazione di 0.7660 da parte di AudUsd mentre NzdUsd per ora tiene il livello analogo di possibile breakout posto a 0.7100-05 area. Questo rende AudNzd vulnerabile, anche se per ora tiene l’area di 1.0680. Interessante poi l’evoluzione del UsdCad che come avevamo ricordato in qualche occasione, offriva interessanti spunti rialzisti e di accumulazione con la tenuta di 1.2610-40 area. Ora abbiamo siamo sulle resistenze chiave di 1.2840 che se, rotte, potrebbero aprire uno scenario più favorevole al dollaro Usa con obiettivi in area 1.2970-80 area. La discesa delle oceaniche e la tenuta della moneta unica segnala la ripresa dei cross EurAud ed EurNzd che, dopo tanto penare, hanno iniziato la fase di accumulazione che avevamo richiamato nelle settimane scorse.

Buon trading e buona giornata.

 

Saverio Berlinzani

 

 

Le informazioni qui fornite non costituiscono una ricerca di investimento. I materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali volti a promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tali devono essere considerati come una comunicazione pubblicitaria.
Tutte le informazioni sono state preparate da ActivTrades (altresì “AT”). Le informazioni non contengono una raccolta dei prezzi di AT, né possono essere intese come offerta, consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare transazioni su alcuno strumento finanziario. Non viene fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o alla completezza di tali informazioni. Qualsiasi materiale fornito non tiene conto dell’obiettivo di investimento specifico e della situazione finanziaria di chiunque possa riceverlo. I risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. AT fornisce un servizio di sola esecuzione. Di conseguenza, chiunque agisca in base alle informazioni fornite lo fa a proprio rischio.