Analisi di Mercato

Analisi di mercato Saverio Berlinzani – 26/08/2020

Attesa per Jackson Hole

E’ una settimana, quella attuale, priva di qualsiasi significato da un punto di vista dei dati macro, eccezion fatta per l’incontro che si terrà domani (virtualmente, per via del Covid) a Jackson Hole, la sperduta località turistica e sciistica nella parte nord occidentale dello Stato del Wyoming, ove Jerome Powell è atteso al Simposio che si tiene ogni anno. Powell parlerà domani pomeriggio, e c’è chi ipotizza un aumento deciso delle price action e della volatilità nel caso in cui il Presidente confermasse che la Fed si sposterà verso qualche regime di target dell’inflazione. Secondo gli analisti di Market Watch, Powell potrebbe illustrare le modalità per far ripartire e stimolare l’inflazione e rappresentare qualcosa di storico, perché potrebbe essere introdotto l’obiettivo di inflazione media, il che significa che la Fed, rispetto al target di inflazione del 2% che è sempre stato considerato come limite oltre il quale la Fed sarebbe intervenuta, potrebbe decidere di lasciar salire l’inflazione anche a livelli superiori, se in precedenza i prezzi siano rimasti al di sotto del fatidico livello del 2% stesso per un lungo periodo. Ciò potrebbe rappresentare, cari amici, un tentativo di inflazionare il dollaro e lasciare di conseguenza la valuta americana deprezzarsi strutturalmente. Ecco che quindi, diventa importante seguire le eventuali rotture dei punti chiave per comprendere eventualmente l’entità della discesa della divisa Usa che potrebbe anche, per qualcuno, essere di breve durata, perché un crollo del dollaro non conviene a nessuno, men che meno ai partner commerciali degli Stati Uniti. Bisogna anche ricordare però che l’inflazione americana ha recentemente mostrato una certa solidità, in seguito alla pubblicazione dei prezzi al consumo e di quelli di produzione, rivelatisi superiori alle aspettative. Ciò potrebbe contribuire a frenare, nel caso, la discesa del biglietto verde.
Detto ciò, i punti tecnici da osservare sono posti a 1.1850-55 area e 1.1875-80 su EurUsd, mentre per il Cable i punti rilevanti sono posti in area 1.3260-70. Supporti di UsdCad a 1.3120-30 mentre per il UsdJpy sono più bassi, a 105.20-30 area. Bisogna seguire il mercato da vicino e cercare di non farsi scappare la possibilità che vi siano accelerazioni dei prezzi, che con il ritorno di molti operatori sui mercati dopo il periodo estivo, diventano più probabili. Attenzione anche all’evoluzione del Gold che sembra poter attaccare l’area 1905-1910 e scendere anche a 1860-65 area.

 

Buona giornata e buon trading.

 

Saverio Berlinzani