Analisi di Mercato

Analisi di mercato Saverio Berlinzani – 19/02/2021

CABLE A RIDOSSO DI QUOTA 1.40

Chiudiamo oggi un’altra settimana di movimenti valutari poco significativi, nel senso che, a parte la sterlina, che ha continuato a muoversi con una chiara tendenza rialzista, e senza alcuna soluzione di continuità, le altre coppie di valute sono più o meno rimaste in un trading range di 50-100 pips. Le ragioni sono da ricercare nell’andamento dei mercati azionari e nei timori che gli ultimi dati, pubblicati tra ieri e stamattina, possano in qualche modo andare ad inficiare le speranze di ripresa che erano emerse fino a ieri, osservando i numeri pubblicati negli States. I dati sulla disoccupazione settimanale infatti sono stati deludenti cosicché anche i mercati azionari hanno vissuto una giornata priva di volatilità, creando delle barre inside, preludio di una incertezza che potrebbe durare qualche tempo. E’ proprio questa correlazione, che va avanti da tempo e sulla quale ci siamo soffermati anche ieri, a risultare la chiave per comprendere le ragioni di price action così poco interessanti. Siamo in mezzo al guado, come si suol dire, ovvero non siamo ancora usciti dalla pandemia e le banche centrali sono ancora in pieno Qe ma dall’altra parte i mercati e gli investitori, cominciano a preoccuparsi di un eventuale tapering che potrebbe prima o poi emergere dai dati sull’inflazione globale, e anticipano un qualche tentativo di movimento diverso rispetto a quelli visti negli ultimi mesi.

Sul fronte valutario, dicevamo, la costante è rappresentata dalla forza della sterlina, ormai in prossimità da 1.4000, forza che si manifesta anche contro moneta unica e contro le altre valute. Le ragioni sono, a nostro avviso, legate all’inflazione e ai timori di una sua futura impennata, mentre sul fronte macro non possiamo dire che il Regno Unito viva la sua fase congiunturale migliore, ma nel computo finale di un eventuale confronto con altre aree, per ora sembra essere privilegiato dagli investitori. I target del Cable, a tal proposito, possono essere individuati in area 1.4350-60. Sulle altre valute regna l’incertezza, nel senso che se da un lato è vero che il dollaro resta sotto pressione contro oceaniche e dollaro canadese, dall’altro è altrettanto vero che per ora i supporti del greenback hanno egregiamente tenuto ossia l’1.2180 sull’Euro, 0.7815 su AudUsd e 0.7300 su NzdUsd. 1.2585-1.2620 sono le aree di supporto di UsdCad che per ora tengono: per giudicare la tendenza attuale, quindi, non si devono osservare le resistenze ma è maggiormente significativo osservare i minimi del dollaro. E il fatto che i minimi, per ora abbiano resistito, dovrebbe rappresentare un segnale di minor debolezza che dovrebbe far riflettere. Perché significa almeno consolidamento, e osservando la congiuntura, un eventuale rialzo prossimo venturo dei prezzi negli Usa, potrebbero farla repentinamente cambiare, e con un certo anticipo, come spesso accade sui mercati. Lo vedremo, nel frattempo per oggi, osserviamo i vari dati sul Pmi nelle varie aree, un bel metodo di confronto che potrebbe in qualche modo, muovere le price action.

Buon trading e buon fine settimana.

 

Saverio Berlinzani

 

 

Le informazioni qui fornite non costituiscono una ricerca di investimento. I materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali volti a promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tali devono essere considerati come una comunicazione pubblicitaria.
Tutte le informazioni sono state preparate da ActivTrades (altresì “AT”). Le informazioni non contengono una raccolta dei prezzi di AT, né possono essere intese come offerta, consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare transazioni su alcuno strumento finanziario. Non viene fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o alla completezza di tali informazioni. Qualsiasi materiale fornito non tiene conto dell’obiettivo di investimento specifico e della situazione finanziaria di chiunque possa riceverlo. I risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. AT fornisce un servizio di sola esecuzione. Di conseguenza, chiunque agisca in base alle informazioni fornite lo fa a proprio rischio.