BCE: TASSI INVARIATI !

La Bce, come ampiamente atteso, lascia i tassi invariati, con il tasso di rifinanziamento a 0%, quello sui depositi a -0.50% e quello sui prestiti marginali a +0.25%. In aggiunta l’autorità di Francoforte, ha deciso di tagliare di 50 punti base i tassi di interesse sul TLTRO, ovvero le aste di liquidità per il periodo che va da giugno 2020 a giugno 2021.

Per sostenere i mercati poi il Governatore Lagarde e il Consiglio direttivo hanno deciso di inserire anche tutta una serie di operazioni di rifinanziamento per questo periodo di emergenza, chiamate Peltro, ovvero Pandemic Emergency Longer Term Refinancing Operations. Senza dimenticare che già era stato lanciato il Pepp, ovvero il programma di acquisto di titoli, che sembra verrà aumentato rispetto ai 750 miliardi programmati. Nella conferenza stampa Lagarde ha dichiarato che non verrà permesso alcun tipo di frammentazione, e ciò verrà eventualmente contrastato attraverso di tutti gli strumenti necessari. Il che probabilmente significa che gli acquisti di titoli italiani potrebbero continuare, anche se il Presidente ha ammesso che non è per ora loro intenzione utilizzare gli Omt (Outright Monetary Transaction), ovvero il programma di sostegno a singoli paesi attraverso lo sforamento del capital key, pur essendo uno strumento che esiste e che in casi di estrema emergenza, ha lasciato intendere, potrebbe anche essere utilizzato.

Come scrive l’amico Paolo Cardenà, al quale va il mio personale ringraziamento per le preziose informazioni che quotidianamente rilascia sull’argomento, “La BCE qualche giorno fa ha allargato la qualità degli strumenti che può accettare come collaterale, includendo anche gli high yield. Questo risponde anche alla logica di non tagliare fuori l’Italia e le sue banche, qualora il debito italiano dovesse perdere l’investment grade per le agenzie di rating. Una volta estesa la qualità dei collaterali accettati in garanzia, la BCE ha lanciato una serie di aste, non targhettizzate, a favore delle banche, che in realtà sono a favore dei sovrani dell’Eurozona. Di conseguenza le banche, accedendo alle aste e presentando le garanzie (a questo punto anche high yield, purché il merito creditizio sia stato perso dopo il 7 aprile – e l’Italia rientra in questo requisito), ottengono liquidità dalla BCE che verrà impegnata per acquistare titoli di stato, nella peggiore delle ipotesi con duration analoga a quelle delle aste PELTRO. Quindi, l’azione si concentrerà sulle scadenza più brevi, che infatti oggi hanno subito un tracollo dei rendimenti. In pratica, la BCE per non fare storcere troppo il naso ai tedeschi nel caso dovesse comprare molto più debito (italiano), lo fa comprare alle banche con i soldi prestati dalla stessa BCE, in cambio (anche) di BTP come collaterale. Il prossimo passo sarà la BCE che compra obbligazioni bancarie, ossia obbligazioni di quei soggetti a cui la BCE ha prestato i soldi per far comprare titoli di quei paesi, il cui debito è stato offerto alla banca centrale come garanzia (di dubbia qualità)”.

La reazione del mercato è stata quella di comprare Euro, dopo una prima fase di leggero indebolimento, con la fase di compressione, presente da alcuni giorni, che ha protato al breakout deciso di 1.0890 con una accelerazione fino a 1.0971, livello dal quale poi la moneta unica ha trovato una fase di consolidamento. Con l’Euro è salito pure il Cable che ha toccato 1.2644 prima di ripiegare una figura, per effetto del rialzo dell’EurGbp, depresso per tutta la seduta fino al momento in cui, il cable ha trovato resistenze forti da cui ha corretto. EurGbp che ha tenuto forse per la settima volta, il supporto a 0.8670, da cui ha reagito riportandosi sopra 0.8700. Interessante l’evoluzione delle oceaniche che hanno trovato un top per iniziare a correggere dopo settimane di rialzo. Per questa ragione i cross EurAud ed EurNzd sono schizzati al rialzo recuperando circa 400 pips dai minimi. La sensazione è che per AudUsd e NzdUsd vi sia spazio di discesa con obiettivi rispettivi a 0.6250 e 0.5925 30 area. Del resto un consolidamento prima di una eventuale ripartenza, riteniamo sia necessario. UsdCad ha reagito dopo aver trovato una base in area 1.3850 che avevamo ieri richiamato, e punta al test della trendline discendente che passa su base giornaliera in area 1.4120 30. Anche il UsdJpy ha recuperato dopo giornate in area 106.40 50 sui supporti ed ha violato la resistenza chiave a 106.90 in concomitanza con l’accelerazione dell’EurUsd, segno che c’era dell’ipervenduto da aggiustare sul cross EurJpy che infatti si e’ fatto quasi 230 pips di rialzo, da 115.40 a 117.80.

Insomma, il mercato resta interessante e le opportunità non mancano. Restiamo vigili e consapevoli che resta un anno nel quale, le trappole sono sempre in agguato e dietro l’angolo. Non dimentichiamo in fatti che il 5 Maggio la Corte Costituzionale tedesca, che ancora è superiore (in Germania) rispetto ai trattati europei, si dovrà pronunciare sulla Costituzionalità delle decisioni prese dalla Bce. Buon trading e buon fine settimana.

 

Buon primo maggio e buon trading a tutti

Saverio Berlinzani

 

 

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.7% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il Tuo denaro. ActivTrades PLC è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. ActivTrades PLC. Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 97. I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di ActivTrades.
Le informazioni qui fornite non costituiscono una ricerca di investimento. I materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali volti a promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tali devono essere considerati come una comunicazione pubblicitaria.
Tutte le informazioni sono state preparate da ActivTrades PLC (altresì “AT”). Le informazioni non contengono una raccolta dei prezzi di AT, né possono essere intese come offerta, consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare transazioni su alcuno strumento finanziario. Non viene fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o alla completezza di tali informazioni. Qualsiasi materiale fornito non tiene conto dell’obiettivo di investimento specifico e della situazione finanziaria di chiunque possa riceverlo. I risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. AT fornisce un servizio di sola esecuzione. Di conseguenza, chiunque agisca in base alle informazioni fornite lo fa a proprio rischio.