Analisi di Mercato

Analisi di mercato ActivTrades – 23/07/2020

VALUTE

Il dollar index continua a indebolirsi questo giovedì e le perdite accumulate questa settimana ora superano l’1,10%, mentre l’euro è salito a $ 1,16 per la prima volta da ottobre 2018. La propensione al rischio persiste nonostante l’apprensione generata dall’escalation delle tensioni tra Cina e Stati Uniti. La chiusura del consolato cinese a Houston da parte delle autorità americane è vista come un’escalation del conflitto latente tra le due maggiori economie al mondo che, secondo molti provocherà ritorsioni da Pechino. Tuttavia, per il momento, gli investitori sembrano concentrarsi sulle buone notizie degli ultimi giorni, tra le quali l’accordo sul fondo di recupero dell’UE, i progressi nella ricerca di un vaccino contro il COVID-19 e gli ultimi dati sulla fiducia dei consumatori tedeschi che ha sorpreso al rialzo.
Ricardo Evangelista – Analista Senior, ActivTrades

ORO

L’oro rimane lo scudo perfetto in caso di una nuova correzione dei mercati azionari. Gli investitori stanno in qualche modo scommettendo contro le banche centrali poiché pensano che le valute siano ora iper-diluite rispetto al lingotto. Diversamente dal dollaro americano e da altre valute, l’oro non può essere stampato e gli investitori continuano ad acquistarlo. Il che sta innescando una volata sia del prezzo spot che dei futures legati al lingotto; entrambi sono ora a meno di $ 50 dal loro record storico. La tendenza rimane fortemente rialzista, anche se alcuni indicatori tecnici stanno iniziando ad essere iper-comprati, dimostrando che il rally è stato particolarmente rapido. In questa fase però non esiste ancora un segnale di correzione e l’indebolimento del dollaro sta aiutando ulteriormente la corsa dell’oro.
Carlo Alberto De Casa – Capo Analista, ActivTrades

BORSE EUROPEE

Le borse sono leggermente il rialzo nella maggior parte dei mercati europei questo giovedì, eliminando alcune delle perdite di ieri ma il sentiment del mercato rimane incerto e privo di una chiara direzionalità nel breve termine. Anche se per ora la maggior parte delle tendenze rialziste rimane intatta per i benchmark europei, in particolare per il DAX-30 in Germania, l’incertezza sulle tempistiche del prossimo pacchetto di stimolo degli Stati Uniti ed il sobbollire delle tensioni tra Stati Uniti e Cina stanno rendendo i titoli azionari un bene meno attraente di quello che era. Mentre gli investitori hanno accolto con favore i progressi delle compagnie farmaceutiche nello sviluppo di un vaccino anti-Covid (Pfizer Inc. + 8% per esempio), molti sono sempre più preoccupati che il rapporto tra Washington e Pechino peggiorerà nei prossimi mesi. Detto questo, non è una sorpresa vedere il prezzo di beni rifugio, come i metalli preziosi, in aumento poiché gli investitori potrebbero voler proteggersi dai potenziali rischi al ribasso diversificando la loro esposizione dopo il lungo rally dei mercati azionari.
Pierre Veyret – Analista Tecnico, ActivTrades