Analisi di Mercato

Analisi di mercato ActivTrades – 22/10/2020

VALUTE

Il dollar index, che misura la performance del dollaro americano contro un paniere di altre valute principali, ha perso più dell’1% dall’inizio della settimana per via di un aumento della propensione al rischio e una diminuzione dell’attrattiva dei beni rifugio. La speranza che i parlamentari repubblicani e democratici a Washington potrebbero raggiungere un accordo per il rilascio di un pacchetto di stimoli economici ha portato un maggiore ottimismo. Tuttavia, un accordo tra le due parti, che consentirebbe il rilascio di aiuti economici prima delle elezioni del 3 novembre, sta iniziando a sembrare improbabile e di conseguenza il ribasso del biglietto verde sembra essere giunto al termine come dimostrato dal fatto che il dollar index è piatto questa mattina.
Ricardo Evangelista – Analista Senior, ActivTrades

ORO

Il prezzo spot dell’oro è salito fino a 1.932$ grazie alle iniziali aspettative di un ulteriore stimolo monetario negli Stati Uniti. Quando però sono emersi dubbi sul fatto che un accordo sullo stimolo fosse imminente, il lingotto è scivolato sino a quota 1.915$. Da un punto di vista tecnico, c’è stato un ‘assalto’ molto interessante alla resistenza di quota 1.930$ / 1.932$, un’area che finora è riuscita a bloccare mosse al rialzo. L’interesse degli investitori rimane enorme e ogni volta che i politici parlano della possibilità di nuovi stimoli (forse anche prima delle elezioni statunitensi, quindi potenzialmente tra pochi giorni) il prezzo del lingotto fa un balzo in alto. È chiaro che il metallo giallo è visto in questa fase come un’ancora di salvataggio efficace in vari scenari. Come si sa, l’oro potrebbe mitigare l’impatto sul portafoglio in caso di nuovo crollo delle borse ma gli investitori vedono anche il lingotto come un riparo dall’inflazione, in uno scenario in cui le banche centrali stanno pompando quantità enormi di liquidità nel tentativo di far ripartire l’economia.
Carlo Alberto De Casa – Capo Analista, ActivTrades

BORSE EUROPEE

Le borse europee sono in ribasso questo giovedì per via di un’avversione al rischio generale amplificata dalle crescenti preoccupazioni sul coronavirus. L’incertezza su vari fronti si sta riflettendo nella mancanza di direzionalità che stiamo vedendo sui mercati al momento. Sebbene lo stimolo economico negli Stati Uniti sia già molto atteso dalla maggior parte dei trader, molti attendono con ansia dati macro (tra i quali dati su occupazione e vendite di immobili dagli Stati Uniti) e notizie sugli utili societari (Coca Cola, AT&T e Intel) per avere ulteriori indizi sull’impatto della pandemia.
In Europa, è prevista una maggiore volatilità dell’indice CAC-40 di Parigi per via della pubblicazione di utili di grosse società tra le quali: Dassault Systemes, Hermes, L’Oreal, Kering, Thales e Michelin. Il mercato francese ha testato la sua principale zona di supporto intorno a 4793 punti poco dopo la campana di apertura, e da allora è rimbalzato.
Pierre Veyret – Analista Tecnico, ActivTrades