Analisi di Mercato

Analisi di mercato ActivTrades – 19/11/2020

VALUTE

Dopo vari giorni dominati da un forte ottimismo per delle notizie sul vaccino della Pfizer, che ha offerto sostegno all’euro, i venti contrari hanno iniziato a sfidare il dinamismo della moneta unica causando perdite rispetto alle altre principali valute. La realtà immediata presenta numeri record di nuovi contagi e decessi in diversi paesi europei e ricorda agli investitori che il ritorno alla normalità rimane lontano. La seconda ondata di pandemia peserà sicuramente sull’economia dell’UE, poiché il pacchetto di stimoli continua ad essere bloccato da un tiro alla fune politico tra Bruxelles e una coalizione polacco-ungherese.
Ricardo Evangelista – Analista Senior, ActivTrades

ORO

Negli ultimi giorni, gli aggiornamenti sui vaccini anti-Covid hanno spinto le borse al rialzo e quella generale propensione al rischio ha colpito il prezzo dell’oro, generando un notevole calo la scorsa settimana. Ieri, ancora una volta, in seguito alla notizia della maggiore efficacia del vaccino della Pfizer di quanto prima annunciato (95% piuttosto che 90%), il lingotto ha perso l’1%. Finora il prezzo è riuscito a rimanere nella fascia di trading laterale degli ultimi mesi tra 1.850 $ e 2.070 $. Siamo solo pochi dollari sopra il limite inferiore di questo canale e un calo al di sotto di questo livello potrebbe essere visto come un segnale negativo. Gli investitori, comunque, dovrebbero ricordare la forte attività accomodante delle banche centrali, che durerà a lungo e potrebbe essere di supporto per il metallo giallo.
Carlo Alberto De Casa – Capo Analista, ActivTrades

BORSE EUROPEE

Le borse europee sono in forte ribasso questo Giovedì, seguendo la tendenza iniziata ieri alla fine della sessione di negoziazione negli Stati Uniti, quando gli investitori si sono allontanati dal rischio. L’euforia del mercato delle ultime settimane sta svanendo mentre il sentiment degli investitori è appesantito da restrizioni più severe in molte aree per frenare il Covid-19 che controbilanciano i progressi del vaccino. Anche se la ripresa a lungo termine non è ancora realmente a rischio, la maggior parte degli investitori si aspetta una correzione del mercato a causa delle crescenti preoccupazioni per l’economia a brevissimo termine. Detto questo, una correzione ribassista di breve termine sarebbe ancora tecnicamente “salutare” per le azioni in quanto mitigherebbe il rally registrato a novembre. È probabile che la sessione di oggi rimanga volatile poiché gli investitori manterranno la loro attenzione sui dati macro e sul vertice UE che inizierà in mattinata. L’indice Stoxx-50 ha recentemente rotto un ‘rising wedge’ ribassista e ora può trovare un supporto a 3,440,0 punti, 3,400,0 punti e 3,355,0 punti per estensione.
Pierre Veyret – Analista Tecnico, ActivTrades