Analisi di Mercato

Analisi di mercato ActivTrades – 19/06/2020

VALUTE

La sterlina britannica è pressoché invariata contro alle altre principali valute all’inizio di venerdì, dopo aver perso oltre l’1% contro il dollaro USA e lo 0,7% contro l’euro giovedì. Gli investitori hanno mostrato il loro disappunto per la decisione della Banca d’Inghilterra di rallentare il ritmo del suo programma di acquisto di beni e per il rifiuto di contemplare tassi di interesse negativi. La delusione del mercato è comprensibile, poiché il paese è stato colpito duramente dall’epidemia di coronavirus e la sua economia già sofferente potrebbe presto dover affrontare una ‘no deal’ Brexit e potenzialmente una seconda ondata della malattia.
Prevediamo possibili rischi di ulteriore ribasso per la sterlina.
Ricardo Evangelista –Analista Senior, ActivTrades

BORSE EUROPEE / FTSE MIB

I mercati europei hanno registrato un lieve rialzo all’inizio dell’ultima sessione di negoziazione della settimana, estendendo il trend visto durante la notte a Tokyo, Pechino e Hong Kong. Mentre i rialzi sui titoli azionari globali hanno consentito ai benchmark di recuperare alcune delle perdite registrate la scorsa settimana, non le hanno ancora compensate completamente. L’entusiasmo che ha supportato i mercati di recente non è andato completamente perso ma è stato notevolmente temperato questa settimana dalla rinascita di vecchi driver ribassisti come i timori di una seconda ondata di coronavirus e le tensioni sino-americane. Inoltre, i volumi delle transazioni ora stanno diminuendo sostanzialmente visto che entriamo nella stagione estiva, il che renderà i mercati ancora più difficili da prevedere a breve e medio termine. Un’ aumento della volatilità però è prevista per oggi, visto che i trader si preparano per una quadrupla ‘sessione delle streghe’ sulla scadenza dei futures e delle opzioni su titoli azionari, che di solito innesca una forte azione sui prezzi intraday.
Il FTSE-MIB di Milano è in forte rialzo quest’oggi ed è attualmente scambiato intorno ai 19.500 punti, leggermente al di sotto della fascia superiore del suo modello di bandiera a breve termine. I prezzi rimangono, tuttavia, lontani dal loro maggiore supporto e resistenza rispettivamente situati a 19.160 punti e 19.725 punti.
Pierre Veyret – Analista Tecnico, ActivTrades