VALUTE

Il dollaro è in calo rispetto ad un paniere di altre principali valute questo mercoledì, per via di un maggiore ottimismo degli investitori che sta supportando i beni percepiti come piu’ rischiosi, penalizzando la valuta statunitense. Gli operatori stanno soppesando fattori positivi e negativi: i dati macroeconomici diffusi martedì indicano una ripresa economica forse più veloce del previsto ma i nuovi focolai di coronavirus e le crescenti tensioni tra Cina e Stati Uniti stanno preoccupando alcuni investitori. Per ora, la maggior parte degli operatori sta scegliendo di vedere il bicchiere mezzo pieno ed il che sta supportando valute di rischio come il dollaro australiano e l’euro.
Ricardo Evangelista –Analista Senior, ActivTrades

PETROLIO

Il ritrovato ottimismo visto negli ultimi due giorni sui mercati ha fatto salire il prezzo del petrolio ed i contratti WTI di luglio e agosto sono ormai sopra i $ 38. Gli investitori scommettono che – anche nello scenario di una seconda ondata di coronavirus- non ci saranno ulteriori chiusure massicce o severi lockdown. Nonostante un sorprendente incremento degli inventari petroliferi statunitensi visto ieri, il prezzo ha rapidamente recuperato forza confermando che per ora i tori sono ancora al comando.
Carlo Alberto De Casa – Capo Analista, ActivTrades