VALUTE

L’euro è in rialzo questo mercoledì mentre l’ottimismo domina i mercati. Ieri un funzionario della FED ha accennato alla possibilità di una flessibilità ancora maggiore nella politica monetaria americana: musica per le orecchie degli investitori poiché significa che la FED non ha in programma di cambiare la strategia di forte supporto all’economia. Sono stati inoltre segnalati risultati positivi di un vaccino contro il coronavirus, che ha ulteriormente aumentato la voglia di rischio. Tra le principali valute, l’euro sta beneficiando maggiormente dell’ottimismo del mercato, toccando massimi di quattro mesi contro il dollaro. Se durante il loro prossimo vertice, i leader dell’UE riusciranno a raggiungere un accordo sul tanto atteso fondo europeo per la ripresa, ci sarà spazio per ulteriori rialzi per la moneta unica.
Ricardo Evangelista –Analista Senior, ActivTrades

ORO

La propensione al rischio sta ancora dominando i mercati. Nonostante ciò, il prezzo dell’oro è al di sopra dei $ 1.800, a conferma dell’elevato interesse degli investitori per il lingotto. Tecnicamente, c’è una prima zona di supporto posizionata a $ 1.790 / 1.795 e un livello di resistenza a $ 1.815. La correlazione positiva degli ultimi mesi tra il movimento dell’oro e quello dei mercati azionari è legata al fatto che gli investitori stanno aumentando la loro quota di azioni nel portafoglio ma nel frattempo vogliono avere un’assicurazione in caso di ulteriori correzioni dei mercati e l’oro sembra essere la risorsa perfetta per questo ruolo.
Carlo Alberto De Casa – Capo Analista, ActivTrades

BORSE EUROPEE

Le borse europee sono in rialzo questo mercoledì, così come le azioni asiatiche e i futures statunitensi, poiché le speranze sui potenziali vaccini contro il coronavirus continuano ad alimentare l’attuale umore rialzista del mercato. I risultati promettenti delle sperimentazioni di Moderna Inc stanno supportando il sentiment del mercato e questo ottimismo ha persino compensato all’incremento di nuovi casi di infezioni rilevati in tutto il mondo. Tuttavia, il potenziale rialzista potrebbe essere limitato dalle tensioni tra Stati Uniti e Cina, dopo che il presidente Trump ha portato a termine lo status speciale di Hong Kong, specificando che la regione sarà ora trattata come il resto della Cina continentale. Si prevede che questa crescente leva ribassista avrà un inevitabile impatto economico su entrambe le superpotenze poiché arresterà gli investimenti statunitensi in Cina e limiterà l’accesso delle società di Hong Kong ai finanziamenti e alle transazioni statunitensi. Mentre l’ottimismo permane per il momento, prevediamo che questa crescente leva ribassista diventerà sempre più rilevante e potrebbe mettere sotto pressione i beni percepiti come più rischiosi.
Pierre Veyret – Analista Tecnico, ActivTrades