Analisi di Mercato

Analisi di mercato ActivTrades – 14/09/2021

VALUTE

Seduta debole per il dollaro durante le prime negoziazioni odierne, con gli investitori cauti prima del rilascio dei dati USA sull’inflazione. Il consenso tra gli analisti è che il tasso annuale per agosto mostri una leggera diminuzione dello 0,1% al 4,2% rispetto a luglio. Una tale previsione certo non basterebbe a portare l’inflazione vicina all’obiettivo del 2% della Federal Reserve e, in circostanze normali, potrebbe inasprire le politiche della banca centrale nei prossimi mesi. Tuttavia, con l’avanzata della variante Delta negli Stati Uniti, la Fed resta preoccupata per le prospettive di crescita dell’economia americana. In tale contesto, le prospettive per il dollaro restano strettamente legate ai dati sull’inflazione e, se quelli di questo mese dovessero sorprendere al rialzo, la banca centrale troverà sempre più difficile ritardare ulteriormente un annuncio di tapering, dando al biglietto verde un forte supporto. Se invece l’inflazione iniziasse a rallentare, rafforzando l’opinione che gli aumenti dei prezzi osservati nel secondo trimestre dell’anno sono transitori, è probabile che il dollaro perda terreno su altre principali valute come l’euro.
Ricardo Evangelista – Analista Senior, ActivTrades

AZIONI EUROPEE

Le azioni europee sono in ribasso martedi, dato l’umore incerto degli investitori in vista dei dati chiave sull’inflazione negli Stati Uniti. In molti si aspettano che i dati di oggi mostrino una crescente pressione sui prezzi al consumo ad agosto, rendendo la prossima mossa della Fed ancora incerta. Naturalmente, un tasso d’inflazione piu’ alto dimostrerebbe che l’aumento dei prezzi iniziato nel secondo trimestre non è così “transitorio” come aveva affermato in precedenza il FOMC e avvicinerebbe la prospettiva del tapering più di quanto si fosse inizialmente pensato. Tuttavia, un numero crescente di operatori di mercato si aspetta che la Fed non possa permettersi di procedere con una misura di inasprimento nel breve termine, soprattutto perché la variante Delta e la scoperta di una nuova variante in Africa continuano ad intaccare la ripresa economica. Detto questo, la Fed dovrà comunque agire per mitigare il rischio di aumento dell’inflazione, il che la possibilita’ di un annuncio di rialzo dei tassi piuttosto che di un tapering formale o di uno stimolo ridotto. Nel frattempo, il mercato azionario potrebbe rimanere piatto prima dei dati sull’inflazione, ad eccezione dei titoli finanziari ed energetici.
Pierre Veyret – Analista tecnico, ActivTrades

 

 

Le informazioni qui fornite non costituiscono una ricerca di investimento. I materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali volti a promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tali devono essere considerati come una comunicazione pubblicitaria. Tutte le informazioni sono state preparate da ActivTrades (altresì “AT”). Le informazioni non contengono una raccolta dei prezzi di AT, né possono essere intese come offerta, consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare transazioni su alcuno strumento finanziario. Non viene fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o alla completezza di tali informazioni. Qualsiasi materiale fornito non tiene conto dell’obiettivo di investimento specifico e della situazione finanziaria di chiunque possa riceverlo. I risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. AT fornisce un servizio di sola esecuzione. Di conseguenza, chiunque agisca in base alle informazioni fornite lo fa a proprio rischio.