VALUTE

Il dollaro e l’euro sono sostanzialmente immutati l’uno contro l’altro. La moneta unica ha trovato supporto nelle notizie relative alle riaperture graduali di vari paesi. Queste buone notizie tuttavia non sono sufficienti a distrarre gli investitori dal fatto che l’economia americana ha perso oltre 20 milioni di posti di lavoro nel mese di aprile e forti perdite sono anche calcolate in tutti gli altri paesi colpiti dal virus. I mercati dovrebbero trovare più direzione più avanti nella settimana, con la pubblicazione di diverse serie di dati, tra i quali i dati sul PIL dell’UE.
Ricardo Evangelista –Analista Senior, ActivTrades

BORSE EUROPEE

Nonostante una sessione di negoziazione incerta in Asia, le borse europee stanno registrando un rialzo questo lunedì, mentre gli investitori digeriscono notizie rassicuranti sul calo dei nuovi contagi da coronavirus in Italia, Francia e Regno Unito. Gli operatori che stavano già scommettendo sulla ripresa sono stati lieti di vedere questi tre paesi europei registrare i loro tassi di mortalità più bassi da marzo, proprio mentre si apprestano ad allentare le misure di blocco. Questo recuperato ottimismo ha visto i mercati muoversi più in alto in tutta Europa alla campana di apertura, anche se è probabile che gli investitori rimangano cauti nei prossimi giorni e settimane, con la paura di una seconda ondata sempre presente. Molti operatori potrebbero essere tentati di trarre profitto in una settimana impegnativa con dati importanti attesi da Cina e Stati Uniti, nonché l’atteso rapporto mensile sul mercato OPEC previsto per mercoledì. L’incertezza e la volatilità saranno probabilmente in aumento e questo potrebbe portare a una riduzione dell’esposizione ad attività più rischiose.
Il FTSE-MIB di Milano è l’indice piu’ forte quest’oggi. Il mercato milanese ha già sfondato la sua doppia resistenza a 17.530 punti (50% Fibonacci + Speedline) e ora sta scambiando a quasi 17.450 punti. Tuttavia, le bande di Bollinger si stanno allargando, indicando una volatilità in aumento, e il prezzo è già vicino alla sua banda superiore, suggerendo un ritiro verso almeno 17.380-17.315 punti.
Pierre Veyret – Analista Tecnico, ActivTrades